Salute

Sla: 'doccia' di fondi per ricerca italiana, AriSla raddoppia finanziamenti

Roma, 26 nov. (AdnKronos Salute) - Una 'doccia' di fondi contro la Sla, malattia neurodegenerativa ad oggi senza cura che colpisce circa 5 mila italiani con 3 nuove diagnosi al giorno. Dopo il successo riscosso dai gavettoni benefici della campagna virale Ice Bucket Challenge, AriSla (Fondazione italiana di ricerca per la sclerosi laterale amiotrofica) annuncia il raddoppio dei finanziamenti stanziati e del numero di studi sostenuti rispetto all'anno scorso: 2,1 milioni di euro per 15 progetti, selezionati fra 133 proposte candidate dalla Commissione scientifica internazionale del Bando AriSla 2014.

"Quest'anno la risposta da parte dei ricercatori è stata davvero molto forte - afferma Mario Melazzini, presidente di AriSla - e per questo motivo abbiamo deciso di finanziare tutti i progetti giudicati meritevoli dalla Commissione. Un importante risultato che abbiamo potuto ottenere grazie anche al fondamentale contributo delle donazioni provenienti dall'Ice Bucket Challenge. Abbiamo voluto, insieme a tutti i nostri soci fondatori, rispondere all'urgenza sentita dalla comunità dei pazienti di accelerare la conoscenza sulla malattia e incrementare gli studi sui nuovi potenziali trattamenti terapeutici, investendo il più possibile in una ricerca che porti a dei risultati trasferibili alla pratica clinica. Adesso siamo pronti a lanciare il nuovo bando 'Ice Bucket 2015', grazie anche alle donazioni di migliaia di italiani, a cui rinnovo la nostra gratitudine, che hanno deciso di supportare la nostra mission: la lotta alla Sla".

I 15 progetti finanziati hanno un valore economico che va da 45 mila a 300 mila euro, erogati in un periodo compreso tra 12 e 36 mesi. Vengono così attivati 23 nuovi gruppi di ricerca sparsi su tutto il territorio nazionale e concentrati nelle città di Milano, Modena, Napoli, Pavia, Roma, Sassari e Trieste. I nuovi team vanno ad aggiungersi ai 74 gruppi e agli oltre 154 ricercatori che AriSla ha supportato dal 2009, investendo in attività di ricerca 6,5 milioni di euro.

Dei 15 progetti finanziati da AriSla, 8 (per fondi pari all'82% del finanziamento erogato) rientrano nella categoria dei 'Full grant' che comprende studi potenzialmente più vicini al trasferimento dei risultati al letto del malato. Gli altri 7 progetti vincitori beneficeranno invece di 'Pilot grant', che premiano idee fortemente innovative volte a indagare attraverso la ricerca di base i meccanismi che scatenano la Sla.

I temi affrontati si concentrano sulla comprensione dei meccanismi di tossicità legati alle proteine mutate e responsabili dell'esordio e della progressione della malattia, ma anche sugli aspetti diagnostici e di ricerca di potenziali bersagli terapeutici. I progetti AriSla 2014 affrontano a 360 gradi la patologia, che è multifattoriale - precisa la Fondazione - e non coinvolge solo il sistema motorio e i neuroni del movimento.

Le proposte premiate, quindi, analizzano ad esempio il coinvolgimento del sistema nervoso autonomo che regola le funzioni dell'apparato cardiocircolatorio, digerente e urinario, il cui malfunzionamento ha ricadute importanti sulla qualità dei vita dei pazienti; i cambiamenti che avvengono nei muscoli dei pazienti, o ancora il ruolo del sistema nervoso periferico nell'evoluzione della malattia.

I progetti sono stati scelti attraverso la metodologia della valutazione indipendente in 'peer review': un processo che premia il merito, puntualizza AriSla. La giuria si è espressa tenendo conto di criteri di scientificità e oggettività, escludendo ogni conflitto di interesse. "Solo seguendo e costruendo il percorso di una ricerca basata sul metodo, sul merito, sulla scientificità e sull'eccellenza e attraverso l'allocazione delle risorse economiche in modo efficiente e trasparente - commenta Melazzini, medico, paziente Sla e assessore lombardo alle Attività produttive, ricerca e innovazione, che la scorsa estate ha aderito in prima persona alla sfida delle docce pro-ricerca - potremo avere la reale potenzialità di arrivare a sconfiggere la malattia. Il nostro impegno è quello di essere sempre al fianco dei ricercatori, per semplificare, facilitare ed efficientare al massimo il loro lavoro, ma con lo sguardo sempre rivolto alla persona affetta da sclerosi laterale amiotrofica: uno stimolo continuo per raggiungere nuovi risultati, ma soprattutto testimone quotidiano di grande speranza per un futuro senza Sla".

26 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us