Campanile fantasma

Se vi sembra che a questo campanile manchi un pezzo non vi sbagliate. Il resto dell’edificio si trova sotto a questo strato di ghiaccio: quella che vedete infatti, è la superficie del Lago di...

reu_rtr28nz8_web
Turisti camminano sulla superficie ghiacciata del Lago di Resia (Sud Tirolo) vicino al campanile sommerso di Curon.
Se vi sembra che a questo campanile manchi un pezzo non vi sbagliate. Il resto dell’edificio si trova sotto a questo strato di ghiaccio: quella che vedete infatti, è la superficie del Lago di Resia (Sud Tirolo, Italia), che d’inverno congela e diviene percorribile a piedi. Il bacino largo 6 chilometri, fu creato artificialmente nel 1950, quando fu allagato il villaggio abbandonato di Curon Venosta con 120 milioni di metri cubi d’acqua e rimase visibile solo il suo campanile. Da allora la torre svetta solitaria dal fondo del lago. Secondo una leggenda locale in alcune giornate invernali si sentirebbero ancora suonare le campane (rimosse in realtà prima dell’inondazione).
27 Febbraio 2010 | Elisabetta Intini