Focus

porno

SELEZIONA:
Hacker vs porno
Gli hacker tornano all’attacco dei grandi network del porno online. Dopo l’incursione in YouPorn, e prima ancora su Lolita City, questa volta è stato preso di mira Digital Playground. Rubati nomi utente e password, ma soprattutto, numeri e codici di carte di credito.
YouPorn hackerato
Panico tra gli utenti di YouPorn dopo la diffusione della notizia che un hacker è riuscito a intrufolarsi nella chat del sito porno per adulti e a violare 6.400 profili con relative password. Intrigo a luci rosse…
Porno dominio
Il mondo del porno online ha finalmente il suo dominio. Il suffisso XXX è attivo solo dallo scorso 6 dicembre e ha già oltre 100mila siti registrati. È iniziata una nuova era per il web a luci rosse, anche se non tutti sono d’accordo.
Causa a luci rosse
Il colpevole è lo smartphone Vivid che, a dire dell’omonima azienda del settore porno, le avrebbe rubato il nome. Se c’è qualcun altro che vuole fare causa ad HTC, si metta in fila…
Pirata cieco?
Un uomo privo della vista è stato accusato di scaricare porno illegalmente. La sua innocenza è chiara ma il vero pirata deve avere sfruttato la sua banda.
Peta si tuffa nel porno
La storica organizzazione per la tutela degli animali, è già ricorsa al nudo in più occasioni per sensibilizzare l'opinione pubblica e adesso pare voglia sfruttare il porno per attirare ancora di più l'attenzione sulla sua causa animalista.
Tutti vogliono i porno domini
Il nuovo suffisso .xxx per i siti a luce rossa, dopo un decennio di controversie, è un successo commerciale: tutti lo vogliono.
Social vs porno
Bazzicare sulle reti sociali è una delle principali attività degli internauti, ma che dico, è la principale attività sul web tanto che, secondo le ultime stime diffuse da Socialnomics attraverso un video, avrebbe addirittura superato l’interesse per il porno online.
Jennifer Lopez
L’ultima notizia di gossip riguarda la cantante Jennifer Lopez: diversi siti di video porno sono interessati ad acquistare un vecchio filmato casalingo, in cui la cantante compare nuda.
Licenziato per un minuto "hard"
La Corte Federale d'appello degli Stati Uniti ha confermato il licenziamento di un insegnante per aver guardato immagini a luci rosse per 60 secondi mentre era a scuola. Lui sostiene che il vero motivo è il suo operato nel sindacati insegnanti.
Giovani schiavi del sesso online
Recenti studi su un campione di ragazzi che hanno appena compiuto la maggiore età, fino ai ventiquattrenni hanno dimostrato che i giovani spendono in media ben 2 ore di filmati a luci rosse a settimana. Ma alcuni riescono ad arrivare a 10!
Sesso online
Il porno è un mercato fiorente anche sul web. Un libro scritto da due scienziati svela però alcune particolarità e curiosità sulla sessualità umana attraverso l’analisi delle ricerche fatte online.
Porno batte Avatar
Un film porno cinese in 3D nel suo primo giorno di distribuzione a Hong Kong è riuscito a battere il record di incassi del film Avatar di James Cameron. Si chiama 3D Sex and Zen: Extreme Ecstasy.
Bravata a luci rosse
La notizia, piccante e bollente, arriva dalla fredda Russia: un hacker moscovita è stato condannato per aver sostituito i messaggi video di un cartellone pubblicitario con un filmato hard.
Approvato il porno dominio
L’l’Icann, l’ente responsabile degli indirizzi web per conto del governo Usa, ha finalmente approvato la creazione del dominio di primo livello “xxx” che identificherà i siti con contenuti a luci rosse.
Porno in crisi
La recessione in America non è finita e colpisce anche l’industria del porno: ecco perché una delle più famose star del mondo hardcore, Jenna Jameson, mette in vendita i suoi abiti usati su eBay.
    1 2 3