Perielio

SELEZIONA:
cometa_46p_natale_rhemann
Ecco 46P/Wirtanen, la cometa di Natale
Sta diventando sempre più luminosa e il 16 dicembre la sua traiettoria raggiunge il punto più vicino alla Terra, a circa 11 milioni di chilometri. Ecco cosa fare per ammirarla, anche a occhio nudo.
hubble-mars-opposition-2016
Marte: mai così vicino negli ultimi 15 anni
Nelle prossime sei settimane il Pianeta Rosso si mostrerà al massimo della brillantezza: sarà infatti in opposizione e, a stretto giro, in perielio. Intanto, sulla sua superficie la visibilità è minima.
cometa-verde
La cometa del 1° aprile non è un pesce
Non è uno scherzo: sabato 1° aprile la 41P/Tuttle-Giacobini-Kresák, con il suo caratteristico alone verde, giungerà nel punto più vicino alla Terra dall'epoca della sua scoperta, 150 anni fa.
approaching_perihelion
I fuochi di artificio della cometa 67P
La cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, accompagnata dalla sonda Rosetta, è da poco transitata dal punto più vicino al Sole della sua orbita, salutando questo evento con spettacolari “fuochi di artificio"
finefine
Cometa ISON, non ce l'ha fatta: il Sole l'ha disintegrata
La cometa ISON sarebbe giunta alla fine del suo viaggio: come Icaro, il suo nucleo non avrebbe resistito alla vicinanza del Sole.
survived
Cometa ISON forse sopravvissuta al perielio: lo dice la NASA
La cometa ISON potrebbe aver superato con successo il pericoloso transito vicino al Sole: le ultime analisi dell'agenzia spaziale USA indicherebbero che parte del suo nucleo è (forse) ancora intatta.
wider
La cometa ISON si è disintegrata? Sì, no, forse
LIVE BLOG: stiamo seguendo in tempo reale gli aggiornamenti sulla situazione della cometa ISON dopo il perielio. Che ne è del suo nucleo? Tornerà ancora a brillare?
Immagine non disponibile
La cometa ISON si sta avvicinando
Nell’immagine grande il campo di cielo in cui è localizzata la remota galassia (all’interno del piccolo riquadro) in cui circa 10 miliardi di anni fa è esplosa la supernova SN Wilson. Nei tre riquadri in basso, da sinistra a destra, la galassia prima dell’esplosione della supernova, la galassia + la supernova, e infine l’immagine della supernova ottenuta sottraendo dall’immagine al centro quella di sinistra. (NASA/ESA/A. Riess/STScI/JHU/D. Jones/S. Rodney)