Nube di Oort

SELEZIONA:
luna-terra_shutterstock_266203424
Guida alle regioni del Sistema Solare
Gli strati di Spazio attorno alla Terra e fino alla Luna, la fascia degli asteroidi, l'eliosfera, la Nube di Oort: le regioni del Sistema Solare.
ion-ship-saturn
Viaggio verso le stelle
Le prime idee per una missione interstellare robotica.
tg4
Pianeta nove? No, pianeti nove!
L'ipotetico pianeta che giustificherebbe le anomalie delle orbite di alcuni pianti nani, potrebbe non esistere. A svolgere il suo "compito" potrebbe essere in realtà un gruppo di planetoidi.
planetninecanergie
Un pianetino conferma che Pianeta 9 esiste?
Il pianeta nano ribattezzato 2015 TG387 o "The Goblin" si spinge ben al di là dell'orbita di Plutone. Le caratteristiche del suo percorso supportano la presenza del fatidico Pianeta Nove, ancora più lontano.
planet-nine
Il pianeta fantasma forse non c'è
Le prove dell’esistenza di un Nono Pianeta oltre Plutone, molto più grande della Terra, per spiegare l’anomalia delle orbita di alcuni pianetini portano ad un’altra conclusione
stella-di-scholz_1680
70.000 anni fa ci ha sfiorato una stella
Mentre i sapiens entravano in Medio Oriente e in Europa una piccola stella rossa ha attraversato il Sistema Solare, a 0,6 anni luce dal Sole, scombussolando la traiettoria delle comete nella nube di Oort.
me1
I ghiacci di Mercurio
La sonda Messenger ha rivelato che nei crateri di Mercurio ci sono almeno 50 metri di ghiaccio d'acqua: da dove è arrivata tutta quell'acqua?
2424a33400000578-2879070-image-a-19_1418909290306
Una stella “sfiorerà” il Sistema Solare
Tra poche centinaia di migliaia di anni una stella sfiorerà il Sistema Solare a una distanza pari a circa 8.000 volte quella che separa la Terra dal Sole.
pia18618_mro
Prime immagini della cometa che ha sfiorato Marte
Il 19 ottobre la cometa Siding Spring è passata a meno di 140.000 km da Marte: ecco le prime immagini riprese dalle sonde e dalla superficie del Pianeta Rosso.
cometnasa
Incontro ravvicinato tra Marte e una cometa
Domenica 19 ottobre le sonde in orbita intorno al pianeta assisteranno a uno spettacolo insolito: il passaggio di Siding Spring a una distanza minima.
140708125536-large
Voyager 1 in balia degli tsunami solari
La Voyager 1 è uscita dell'eliosfera e viaggia verso gli estremi confini del Sistema Solare. Ma anche laggiù deve vedersela con i violenti fenomeni naturali scatenati dalla nostra stella.
Immagine non disponibile
La materia oscura responsabile del periodico
Schema dell'effetto lente gravitazionale: la supernova esplode in una galassia lontana (a sinistra) e la sua luce, prima di arrivare alla Terra (a destra) passa in prossimità di una galassia massiccia (al centro) la cui gravità ha deformato lo spazio-tempo. La luce nel propagarsi segue le linee dello spaio, se questo è incurvato, a seconda dell’allineamento e della posizione relativa oggetto lontano-oggetto massiccio (lente gravitazionale)-Terra, il risultato è la moltiplicazione dell'immagine dell’oggetto lontano e l’amplificazione della sua luminosità. (Kavli Institute/Tokio University)
03_sedna
Nuovi indizi sull’esistenza di un "pianeta X"
La scoperta di un nuovo, piccolo oggetto transnettuniano può aiutarci a capire meglio le regioni più esterne del Sistema Solare.
Immagine non disponibile
La cometa ISON si sta avvicinando
Nell’immagine grande il campo di cielo in cui è localizzata la remota galassia (all’interno del piccolo riquadro) in cui circa 10 miliardi di anni fa è esplosa la supernova SN Wilson. Nei tre riquadri in basso, da sinistra a destra, la galassia prima dell’esplosione della supernova, la galassia + la supernova, e infine l’immagine della supernova ottenuta sottraendo dall’immagine al centro quella di sinistra. (NASA/ESA/A. Riess/STScI/JHU/D. Jones/S. Rodney)
Immagine non disponibile
È in arrivo la “cometa di Pasqua”
Sequenza delle immagini radar dell’asteroide 2012 DA14 ottenute con l’antenna parabolica da 70 metri di diametro. (NASA/JPL-Caltech)
612896main_iss030e014393_wp_946-710
ISON: la cometa di Natale 2013
Le nuove, affascinanti, immagini di ISON, la cometa che il prossimo autunno potrebbe offrirci uno dei più grandi spettacoli astronomici di sempre. O forse no?