morbo di alzheimer

SELEZIONA:
Lettere dall'Alzheimer
Una selezione delle lettere dei lettori che convivono o hanno convissuto con questa condizione, l'Alzheimer, che trasforma le persone e le persone attorno al loro.
Alzheimer, un altro fallimento farmacologico
È successo di nuovo: due promettenti trial sull'uomo di una molecola che prende di mira le placche amiloidi sono stati interrotti: stiamo prendendo di mira il bersaglio giusto?
Le pulizie cellulari "inceppate" dell'Alzheimer
Un processo che rimuove i mitocondri difettosi dalle cellule cerebrali sembra compromesso nei modelli umani e animali di questa forma di demenza. Ripristinarlo riduce i sintomi e le placche neurotossiche.
La rincorsa ai farmaci "impossibili"
AIDS, Alzheimer, malattie rare... Non per tutte le patologie c'è una soluzione all'orizzonte, ma non per questo ci si arrende.
Herpes e Alzheimer collegati? L'idea si consolida
Nuovi studi sul tema tornano a suggerire che possa esserci una correlazione tra la più comune forma di demenza e l'infezione virale. Se fosse vero, si aprirebbero nuove vie di prevenzione.
Errori spontanei nel DNA all'origine delle demenze
Le cause delle malattie neurodegenerative potrebbero risalire ai processi di divisione cellulare che avvengono durante lo sviluppo embrionale. Indipendentemente dalla predisposizione familiare.
Rivedere i criteri per diagnosticare l'Alzheimer
Per poter sperimentare i farmaci in maniera più efficace, gli esperti chiedono di cambiare il modo in cui si diagnostica il morbo d'Alzheimer: non più in base ai sintomi, ma su parametri biologici oggettivi. 
I discorsi prolissi indizi di Alzheimer?
Alcuni cambiamenti carattestici nel linguaggio e nel vocabolario potrebbero essere una spia della malattia anni prima che si manifesti.
Parlare le lingue ritarda l'Alzheimer
Uno studio italiano fa luce sui meccanismi con cui il cervello dei bilingue si difende dal morbo.
Alzheimer, male i test di un promettente farmaco
La molecola aveva dato buone speranze nei trial precedenti, ma si è rivelata in efficace nella più importante sperimentazione sui malati. Colpa del medicinale, o dell'obiettivo sbagliato?
Lo smog lascia tracce magnetiche nel cervello
Nanoparticelle di magnetite trovate in abbondanza nel cervello di chi vive in aree trafficate. Provocano danno ossidativo e potrebbero essere collegate a malattie come quella di Alzheimer.
Alzheimer: nuove speranze da un anticorpo
Nelle prime fasi della sperimentazione, una nuova terapia ha dimostrato di ridurre le placche al cervello tipiche della malattia e, pare, di rallentare il declino cognitivo.
Alzheimer, una nuova potenziale causa
Osservata la demolizione di arginina, un amminoacido essenziale per la memoria, nel cervello di topi malati. Un passo in avanti nella lotta alla malattia.
Islanda, ritratto genetico di una nazione
È la più grande operazione di sequenziamento dell'intero genoma eseguita su una popolazione.
La sfida della diagnosi precoce del morbo di Alzheimer
Da due studi nuove indicazioni sui test per capire chi si ammalerà prima che si manifestino i sintomi.
    1 2