Italiano

SELEZIONA:
shutterstock_120609037
10 errori in italiano che (forse) ti sono sfuggiti
Quando si può dire "piuttosto che"? Perché computer al plurale non vuole la "s" e invece tapas sì? Si scrive un po' o un pò? È più corretto dire irruente o irruento? 10 piccoli/grandi dubbi della lingua italiana.
chiara-appendino-virginia-raggi
Si può dire sindaca?
Le vittorie di Appendino a Torino e di Raggi a Roma riaprono una vecchia questione linguistica: si dice sindaco o sindaca?
invalsi
Prove Invalsi: cosa sono e a cosa servono
Sette domande e risposte sui test Invalsi, che vogliono misurare il valore della scuola e le competenze in italiano e matematica di oltre due milioni di studenti.
redpen
I talebani della grammatica sono tipi introversi
Uno studio rivela come i diversi tipi di personalità reagiscono ai piccoli refusi o errori grammaticali: meglio non abitare con chi si indigna per un accento sbagliato.
5249955119_5949c775c4_b
Petaloso è una parola?
Un bambino di terza elementare inventa la parola petaloso. La sua maestra invia il lemma all'Accademia della Crusca. Che risponde: "Deve essere utilizzata e capita da tanti". 
con_h_6.00989698
10 + 1 cose che (forse) non sai sull'italiano
Quante persone parlano italiano al mondo? Qual è la prima testimonianza scritta della nostra lingua? Che si intende per neoitaliano? E ancora... per uno straniero è facile impararlo?
efa279f9-d37a-4ac1-bcd3-ece801b993c9_mwdynamic_mhdynamic_s
Parole italiane che in inglese significano altro
Da "latte" a "al fresco", da "confetti" a "gonzo": ecco le parole italiane che in inglese col tempo hanno assunto un altro significato.
tweetup-alyiceedrich
Twitti? So chi sei!
Quante informazioni raccontano (di te!) i 140 caratteri dei tuoi tweet? Talmente tante che sociologhi, linguisti e persino geografi si sbizzarriscono con mappe e ipotesi sul futuro delle lingue nei social media.
Immagine non disponibile
Quali differenze tra greco moderno e antico?
Attualmente in Grecia si usano due lingue: quella popolare (dhimotikì) e quella dotta (katharévousa). Questo sdoppiamento ricorda quanto accadde nel nostro Paese tra il XIII e il XV secolo,...
Immagine non disponibile
Perché c’è l’abitudine di rivolgersi agli sconosciuti con i pronomi “lei” o “voi”?
I pronomi di cortesia “lei” e “voi” sono nati con l’intento di evitare un riferimento diretto alla persona, perché questo poteva apparire scortese. In origine si utilizzavano gli aggettivi,...

Sai riconoscere il
 

 

VERSO

 


di questi  ANIMALI?