Facoltà cognitive

SELEZIONA:
alzheimer-esame
Cervello: cellule zombie e demenze
Rimuovere le cellule senescenti dal cervello dei topi previene l'accumulo di una proteina tossica caratteristica dell'Alzheimer e i danni cognitivi della malattia.
corbis_42-21101123
Si sogna anche sotto anestesia generale
Ma si tratta di sogni disconnessi dall'esperienza e dalle interazioni con l'ambiente: più che a una perdita di coscienza, questo stato somiglia a un progressivo "scollamento" dal sé.
invecchiamento-cervello-giovane
Gli eterni ragazzi hanno un cervello più giovane
Chi si sente giovane nonostante l'età avanzata mostra anche meno segni organici di declino cerebrale: l'età soggettiva rispecchia piuttosto fedelmente quella biologica.
ipa_hrkx9a_web
Fidarsi (dell'intuito) è bene. Ecco perché
L'esaltazione del pensiero analitico ha attribuito alle sensazioni "di pancia" la fama di reazioni primitive e inaffidabili: eppure sono anch'esse predizioni del cervello, spesso molto efficaci.
segnale-elettrochimico-tra-neuroni
Nuove cellule nervose anche nei cervelli adulti
Il dibattito su neurogenesi e invecchiamento sembra non avere mai fine: un nuovo studio afferma che la formazione di neuroni non diminuisce nel cervello con l'età.
alzheimer_shutterstock_145282792
Alzheimer: occhi puntati sulla proteina tau
Una popolazione colombiana geneticamente predisposta all'insorgenza prematura della malattia sarà tra le prime coinvolte negli studi sull'accumulo della sostanza, il cui ruolo è ancora poco noto.
fastingbrain
Meno calorie potrebbero rendere più lucidi
Chi si sottopone a diete e digiuni controllati spesso dice di sentirsi più "lucido" a livello cognitivo. Uno studio sui topi offre una possibile spiegazione (che non è detto valga anche per l'uomo).
brainmarriage
Il matrimonio protegge dal rischio demenze
Chi è single da tempo o è rimasto vedovo sembra più esposto al declino cognitivo: l'effetto protettivo della coppia è dovuto forse alla più intensa vita sociale.
ricordi
La Giornata Mondiale dell'Alzheimer
Il 21 settembre è dedicato alla sensibilizzazione su una malattia che colpisce in Italia 600 mila persone, e le cui ricadute sociali ed economiche gravano quasi esclusivamente sulle famiglie.
dejavy
Déjà vu, una nuova teoria sulla loro origine
La sensazione di familiarità rispetto a un'esperienza potrebbe derivare da un'operazione di "verifica" che il cervello compie sui ricordi acquisiti.
con_h_25.c019-5192_w
I geni che influenzano l'intelligenza
Un passo in avanti in un tema complesso e pieno di insidie: quello della componente genetica ed ereditaria delle più importanti capacità cognitive umane.
con_h_6.01091427
Il lavoro fuori orario fa invecchiare il cervello
Chi è costretto a lavorare a lungo su turni a rotazione mostra un cervello più vecchio di 6,5 anni. Le cause? L'interruzione dei ritmi circadiani e la mancanza di sonno.


12 cose

che (forse) non sai sulla


      birra