Cratere Gale

SELEZIONA:
curiosity-mount-sharp
Curiosity tra le argille, a caccia di vita
Il rover della NASA sta esplorando una regione del Monte Sharp ricca di minerali argillosi: una delle più promettenti per la ricerca di passate tracce di attività biologiche.
panoramicamarte
Curiosity mostra il percorso "conquistato" finora
Il rover della Nasa ha rilasciato una panoramica nitida e spettacolare dei 18 km di viaggio compiuti dal 2012 ad oggi: è la prima volta che si guarda alle spalle e fa il punto sull'intera missione.
cur1
La vita su Marte fu possibile a lungo
Alcune aree del pianeta sono state compatibili con la vita per milioni di anni: lo rivelano nuove analisi sui dati di Curiosity e la scoperta di un nuovo elemento chimico tra le rocce marziane.
marteaperturau
Curiosity alle pendici del Monte Sharp
Ultime dal Pianeta Rosso: prosegue con successo l’esplorazione del cratere Gale. Ecco le immagini più recenti.
curiositys-latest-selfie
I mille giorni di Curiosity su Marte
Tre anni di esplorazione del rover Curiosity, il robot della Nasa sul Pianeta Rosso: le scoperte e le nuove domande.
marte-nasa-1
C'è azoto su Marte. E anche la vita?
ll rover Curiosity ha trovato tracce di composti azotati, che fanno ipotizzare la presenza di possibili forme di vita in un lontano passato.
Immagine non disponibile
Curiosity continua il suo lavoro
Confronto tra il Sistema Solare (con le orbite in blu) ed il nuovo sistema planetario KOI-351 (in rosso). (DLR)
Immagine non disponibile
Da Curiosity nessuna novità, per adesso
Il gigantesco ammasso di galassie di Perseo situato da noi ad una distanza di circa 250 milioni di anni luce. La galassia NGC 1277 si trova esattamente al centro dell’immagine. (David W. Hogg, Michael Blanton, SDSS Collaboration)
Immagine non disponibile
Curiosity scopre un fiume marziano
L'Hubble eXtreme Deep Field (XDF). Nell’immagine sono annotate alcune le galassie più lontane, insieme alla più lontana supernova mai osservata (Supernova Primo, che ha un redshift di 1.55). UDFj-39546284 invece è la galassia candidata come quella più lontana mai osservata, ma manca ancora una conferma spettroscopica. Nell’'immagine, composta da oltre 2.000 diverse immagini scattate dalle due camere principali di Hubble (Wide Field Camera 3 e la Advanced Camera for Surveys), si possono notare galassie a spirale e galassie ellittiche ed altre che sono deformate dalle interazioni reciproche. (NASA, ESA, G. Illingworth, D. Magee, and P. Oesch (University of California, Santa Cruz), R. Bouwens (Leiden University), and the HUDF09 Team)
Immagine non disponibile
Una mira più precisa per l’atterraggio su
Il transito di Venere ripreso dall’Astralia, mentre anche il telescopio spaziale Hubble (i piccoli punti indicati dai cerchietti) stava transitando di fronte al disco solare. (Thierry Legault)
Immagine non disponibile
La missione Mars Science Laboratory sulla rampa
Thera e Thrace sono due regioni caotiche sulla superficie di Europa. Thera (a sinistra) è circa 70 km in diametro e 85 km in altezza e sembra trovarsi leggermente sotto le pianure circostanti. Alcune placche di ghiaccio più brillanti sono osservabili all'interno e sembrano essere scollegate dai margini. Le fratture curve lungo i confini suggeriscono che il collasso potrebbe essere avvenuto durante la formazione di questa regione. La regione Thrace (a destra), che sembra invece stare più in alto rispetto alle zone vicine. Secondo il nuovo modello questi due terreni sono stati causati dalla presenza di laghi di acqua proprio sotto, in mezzo alla crosta, che hanno parzialmente sciolto le basi di alcune delle calotte di ghiaccio. NASA/JPL