Focus

centrali nucleari

SELEZIONA:
L'incendio nella zona rossa di Chernobyl
Negli ultimi giorni, un rogo (ora domato) nell'area più a rischio attorno all'ex centrale nucleare ha destato preoccupazioni per una possibile diffusione di radiazioni.
Lo smantellamento della centrale di Caorso
Il decommissioning della centrale nucleare di Caorso entra in una nuova fase cruciale.
Quanto costa rinunciare al carbone?
La Germania si prepara per l'addio al carbone, nel 2038, e per riuscirci pensa a un sostanzioso piano di compensazione per i produttori.
Siamo bravi a smantellare centrali nucleari
Sogin e l'eccellenza italiana nello smantellamento delle centrali nucleari.
Fukushima: le acque radioattive finiranno in mare?
Lo ha detto il Ministro dell'Ambiente giapponese, in una dichiarazione poi ridimensionata. Stipate nei serbatoi della Tepco ci sono oltre un milione di tonnellate di liquido contaminato.
La nuvola radioattiva del 2017
Un terzo studio conferma definitivamente l'origine della nube di rutenio che ha viaggiato sull'Europa, e sul nord Italia, nell'autunno del 2017.
La Foresta Rossa di Chernobyl
Una flotta di droni ha mappato la pineta nella zona di esclusione con un dettaglio non possibile per aeroplani ed elicotteri, evidenziando focolai di radioattività finora sconosciuti.
Chernobyl, 26 aprile 1986
26 aprile 1986: una serie di errori nel corso di un test porta al brusco e incontrollabile aumento di temperature del reattore 4 della centrale nucleare di Chernobyl, che porta alla fusione del nocciolo.
Fukushima, 8 anni dopo: a che punto siamo?
La bonifica procede con lentezza: tra ritardi e imprevisti, si registra il successo di un piccolo test sulla rimozione del materiale fuso, ma l'emergenza è sulla decontaminazione dell'acqua.
Weekend nucleare: l'Open Gate 2019
Porte aperte nelle ex centrali nucleari italiane: l'Open Gate 2019 è un'occasione per vedere come si lavora allo smantellamento (e riaprire un vecchio discorso).
Fukushima: la devastazione del reattore nucleare
Le foto ottenute grazie a un braccio robotico calato nel reattore numero 2 mostrano la devastazione della vasca di contenimento, ancora coperta di resti di combustibile radioattivo.
La nube radioattiva sugli Urali: una spiegazione
Un nuovo rapporto fa luce sul misterioso picco di radioattività registrato sulla Russia e su buona parte dell'Europa a fine settembre, a livelli non pericolosi per la salute: potrebbe essere legato a una cattiva gestione di combustibile nucleare esausto.
La lenta trasformazione di Chernobyl
A pochi metri dal "sarcofago" che ricopre il reattore sta per essere terminata la posa di un impianto fotovoltaico. Un modo per riconvertire territorio che rimarrà contaminato per altri 24 mila anni.
La nube radioattiva in Russia a domande e risposte
Le autorità del Paese hanno confermato un picco di radioattività sugli Urali a fine settembre. Da che cosa è stato causato? Fin dove si è spinto? E sopratutto: è pericoloso?
La lentissima decontaminazione a Fukushima
Proseguono i lavori della TEPCO per rimuovere le barre di combustibile esausto dalla centrale danneggiata. Ma per l'accuratezza necessaria e le altissime radiazioni, ci vorranno ancora decenni.
Cinghiali radioattivi, 31 anni dopo Chernobyl
Nella Repubblica Ceca, quasi la metà degli esemplari selvatici presenta livelli di contaminazione non sicuri per il consumo: è colpa di un fungo che assorbe alti livelli di cesio-137.
    1 2 3