bioterrorismo

SELEZIONA:
Il mondo non è pronto per una pandemia
Se scoppiasse un'epidemia globale i morti potrebbero essere molte decine di milioni, e ci sarebbero pesanti conseguenze per l'economia mondiale - che porterebbero ad altri morti ancora.
I rischi delle armi genetiche
Oggi è relativamente facile creare in provetta virus e batteri letali: il Governo degli Stati Uniti avvia una riflessione sui rischi e sulle capacità di disinnescare i potenziali pericoli.
Perché arriva una medicina contro il vaiolo?
Il vaiolo è considerato "eradicato", ma il facile accesso all'ingegneria genetica e i timori che il virus possa diventare un'arma biologica ha portato allo sviluppo di un medicinale.
Perché sintetizzare il virus del vaiolo equino?
Fanno discutere uno studio canadese e la sua pubblicazione sull'acquisto online di frammenti di Dna usati poi per costruire una versione sintetica del virus del vaiolo equino.
La tecnica CRISPR e l'ombra del bioterrorismo
Le rivoluzionarie forbici molecolari hanno aperto possibilità mediche e di salute pubblica un tempo inimmaginabili. Ma come impedire che finiscano nelle mani sbagliate?
7 previsioni di Gates che potrebbero avverarsi
Salute, energia, cibo, robot, terrorismo: la visione del milionario statunitense padre di Microsoft.
La fuga di un batterio letale
La contaminazione sarebbe avvenuta a novembre all'interno del campus di un laboratorio di biocontenimento della Lousiana. Non ci sarebbero pericoli per l'uomo.
I primi bioterroristi? Gli Ittiti
Sono stati gli Ittiti i pionieri del bioterrorismo: usarono pecore infette come armi di distruzione di massa.
L'evoluzione bellica dei farmaci
Gli studi per la produzione di nuovi farmaci sono rivolti anche alla minaccia del bioterrorismo.
    1