Apex

SELEZIONA:
Immagine non disponibile
Galassie primordiali scovate da ALMA
La traiettoria orbitale  della cometa C/2013 A1 (Siding Spring) nelle regioni interne del Sistema Solare (in celeste). (NASA/JPL-Caltech)
Immagine non disponibile
Uno sguardo attraverso la “foschia” cosmica
Una nuova immagine dal telescopio APEX (Atacama Pathfinder Experiment) in Cile mostra una splendida vista delle nubi di polvere nella regione della
Immagine non disponibile
Uno sguardo di dettaglio nel cuore di un quasar
Questa immagine in falsi colori della nebulosa Vela-C combina dati ripresi dal telescopio spaziale Herschel alla lunghezza d’onda di 70 micron (in blu), 160 micron (in verde), e a 250 micron (in rosso). (ESA/PCS/SPIRE/Tracey Hill/Frederique Motte)
Immagine non disponibile
Un’immagine insolita dalla cintura di Orione
Una stella in rapidissimo movimento, Alpha Camaleopardalis, dà origine ad una evidente scia luminosa nell’infrarosso prodotta dall’onda d’urto generata dal suo velocissimo moto nel mezzo interstellare.(NASA/JPL-Caltech/WISE Team)
Immagine non disponibile
Stelle nascoste nella polvere
Immagine dell’ammasso globulare M 5 ripresa dal telescopio spaziale Hubble. Si trova in direzione della costellazione del Serpente e dista da noi circa 24.500 anni luce. (NASA/STScI)
Immagine non disponibile
Nascita violenta per le galassie supermassicce
Le due immagini a sinistra, riprese dal radar della sonda Cassini, mostrano campi di dune su Titano: Belet (in alto) e Fensal (in basso). La loro morfologia appare simile a quella di analoghi campi di dune terrestri presenti nella regione di Rub al Khali, in Arabia Saudita (a destra). (NASA/JPL–Caltech/ASI/ESA and USGS/ESA)
Immagine non disponibile
Le nubi fredde della nebulosa della Carena
Immagine composita della nebulosa della Tarantola (30 Doradus) ottenuta con i dati dei telescopi spaziali per raggi X Chandra (blu) e per radiazione infrarossa Spitzer (giallo-arancione). NASA/CXC/PSU/JPL/L.Townsley et al.
Immagine non disponibile
Scoperta l’acqua ossigenata nello spazio
Questa immagine mostra come una normale galassia a spirale, come la Via Lattea, appaia ai nostri giorni (a sinistra), e come, molto probabilmente, appariva (a destra) durante le sue prime fasi evolutive, quando l’Universo aveva un’età di 1-2 miliardi di anni e la galassia era pervasa da un grandissimo numero di stelle giganti e molto calde. NASA/JPL-Caltech/STScI
eso1012a_web
Una fucina di Soli
Preparatevi a sopportare un caldo infernale. Quella che vedete è una delle fabbriche di stelle più attive e frenetiche del cosmo. All'interno di questa galassia, stimano gli esperti, si producono...