antropocene

SELEZIONA:
Micro e nanoplastiche: altre cattive notizie
I residui di plastica finiti sui fondali si insinuano a profondità maggiori di quanto si credesse, e interferiscono con gli organismi alla base della catena alimentare.
Un piano per salvare gli insetti dall'estinzione
73 scienziati hanno formulato un piano per impedire l'estinzione di massa degli insetti.
Che fossili lasceremo noi esseri umani?
Tra qualche milione di anni, quali tracce fossili della nostra civiltà avremo lasciato sul pianeta?
Due nuovi tipi di plastica inquinano i mari
Si chiamano plasticrust e pyroplastic, sono le nuove facce dell'inquinamento da plastica: sono state già rilevate in Toscana.
Humboldt, scienziato per l'Antropocene
Ai suoi tempi era una celebrità: a 250 anni dalla nascita, oggi pochi ricordano Alexander von Humboldt, il geografo, esploratore e naturalista a cui dobbiamo molte idee della scienza moderna.
La plastica fa male anche ai lombrichi
In un terreno contaminato da microplastiche, questi decompositori perdono peso. Non è un problema da poco: il loro malessere potrebbe avere effetti a catena sulla fertilità del suolo.
L'Età della Plastica
L'inquinamento da plastica è ufficialmente entrato nella stratificazione fossile: i frammenti di questo materiale nei sedimenti oceanici sono raddoppiati ogni 15 anni, dal secondo dopoguerra ad oggi.
Allarme ghiacciai: sempre più neri e fragili
I cambiamenti climatici e alcuni fenomeni naturali stanno alterando profondamente la fisionomia dei ghiacciai alpini.
Il primo riscaldamento davvero "globale"
L'attuale evento di riscaldamento globale è il primo a interessare il mondo intero: in passato, l'aumento o la diminuzione naturali delle temperature furono di portata regionale, e mai così violenti.
Plastica: ecco chi inquina il Mediterraneo
Stop the flood of plastic, uno studio del WWF, fa il punto sull'inquinamento da plastica nel Mare Mediterraneo: quanta ne arriva in mare, chi sono i maggiori responsabili e che cosa si può fare.
Mari e oceani: dov'è lo strato di plastica
Sotto alla superficie c'è un ampio strato dove si riscontra la massima concentrazione di microplastiche e frammenti di plastica.
Microplastiche: nei nostri cibi e nell'acqua
La contaminazione è diffusa: con l'alimentazione assumiamo 50.000 microparticelle di plastica l'anno.
Cinque grammi di plastica alla settimana
Nell'arco di 7 giorni assumiamo insieme ad acqua e cibo l'equivalente in frammenti di plastica del peso di una carta di credito, che transitano nell'organismo con effetti poco noti sulla salute. 
Alghe? No, plastica: gli scogli nell'Antropocene
Una patina incrostata su molti scogli di Madeira si è rivelata essere polietilene incollato alle rocce dall'azione incessante delle onde.
La Terra a nostra immagine
Anthropocene a Bologna: una mostra segue le tracce ormai indelebili del nostro passaggio sulla Terra, tanto profonde da caratterizzare un'era geologica.
Sempre più barche inseguono sempre meno pesci
In 65 anni, la flotta mondiale di pescherecci è più che raddoppiata, ma la quantità di pescato per unità di lavoro è calata dell'80%: l'overfishing e la (prevedibile) risposta delle riserve ittiche.
    1 2 3 4 5