Depressione: l'AI nello studio dello psichiatra
I ricercatori del MIT hanno istruito una rete neurale a identificare i sintomi della depressione nei testi e nelle conversazioni dei pazienti.
Il boom di Instagram: che ne pensa la scienza?
Un social narcisista, che a volte non fa bene alla salute mentale dei suoi giovani utenti. Ma anche una via di fuga dallo stress: ecco come appare Instagram, "osservato" dalla scienza.
Il display che si srotola
È uno schermo da 19 cm, arrotolabile come un'antica pergamena.
Robot: un bersaglio troppo facile per gli hacker
Un test condotto tra due Università degli Stati Uniti dimostra come sia semplice per un malintenzionato prendere il controllo di un robot da remoto. Le conseguenze potrebbero essere gravi.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Così l'AI di Google ha imparato a camminare
L'intelligenza artificiale della DeepMind ha imparato ad avanzare e superare gli ostacoli in un percorso virtuale di parkour: può sembrare un po' goffa, ma ci è riuscita da autodidatta.
Password è una password?
Il più ampio studio sulle chiavi di accesso rivela che, in fatto di sicurezza online e protezione dei dati sensibili, siamo incorreggibili (e poco fantasiosi).
I-Plane, l’aereo ipersonico cinese
Un team di ricercatori cinesi ha sperimentato con successo un aereo in grado di raggiungere gli 8600 km/h di velocità. 
Negapedia: il lato oscuro di Wikipedia
Quali sono le voci italiane di WIkipedia che suscitano più conflitti e più polemiche? Uno studioso lo svela in un nuovo sito.
Quando fu inventata la pentola a pressione?
I primi esemplari risalgono alla fine del '600, in Francia.
Una catapulta per lo Spazio
Una vecchia tecnologia in chiave moderna: una sorta di frombola elettromagnetica per lanciare satelliti in orbita.
Il robot-cane SpotMini sa difendersi dall'uomo
​Non bastava che potesse aprire le maniglie delle porte: il quadrupede della Boston Dynamics sta ora imparando a resistere agli assalti degli scienziati. E a lottare per portare a termine le missioni.
La pelle con il monitor
Un team di ricercatori giapponesi ha realizzato un display indossabile estremamente flessibile e sottile per la visualizzazione del battito cardiaco e di altri parametri clinici.