Tecno-prodotti

Tutte le novità del Google I/O 2012

Tutte le voci erano fondate.

di
È iniziato ufficialmente il Google I/O 2012. A Mountain View non hanno badato a spese e hanno coperto di regali i partecipanti. Ricordi tutto ciò che abbiamo anticipato ieri? Bene, tutto è stato confermato, ma dove sono finite le sorprese?

"I partecipanti hanno avuto in regalo un Galaxy Nexus, un Nexus 7 e un Nexus Q"
Ecco il Nexus 7 - Il Google I/O 2012, uno degli eventi più attesi dell’anno, ha appena aperto i battenti e le novità che sono state presentate finora sono già sulla bocca di tutti. Google è partita in quarta e ha subito svelato il suo primo tablet, il Nexus 7 - si pronuncia “Nexus Seven” o, meglio ancora, “Nexus Heaven” - di cui ti abbiamo parlato negli ultimi giorni. I dettagli tecnici sono stati tutti confermati, a partire dal prezzo a dir poco concorrenziale di soli 199 dollari. Non sono mancati i riferimenti ai suoi rivali più diretti: il Kindle Fire di Amazon in primis, così come tutte le console portatili di ultima generazione, sono avvisati.

Google Now - Insieme al Nexus 7, farà il suo esordio la versione Android 4.1 - confermata anche in questo caso l’indiscrezione sulla numerazione - nome in codice Jelly Bean. I primi dispositivi aggiornati saranno gli smartphone Nexus S e Galaxy Nexus, insieme al tablet Xoom di Motorola, mentre per tutti gli altri dovremo attendere almeno l’autunno. La novità principale introdotta con questa release sembra piuttosto uno slogan: Google Now è, infatti, il servizio del colosso californiano che ci aiuta nella vita di tutti i giorni, raccogliendo informazioni dalle mappe, dall’email e dal calendario, allo stesso modo di Apple Siri.

Android Beam - I nuovi dispositivi Android si trasformeranno in assistenti virtuali che, tra le tante funzioni, offriranno un innovativo sistema di dettatura vocale, che potrà fare la differenza sul rivale Siri, perché funzionerà perfino in modalità offline. Le altre novità introdotte con Jelly Bean vanno dal ben noto browser Chrome alla versione aggiornata e rivista del sistema Android Beam - già visto in Ice Cream Sandwich - che permette di sfruttare l’antenna NFC integrata per trasferire documenti di ogni tipo da un dispositivo all’altro.

Project Glass dal vivo - Siamo stati accontentati anche per quanto concerne il Project Glass: gli occhiali per la realtà aumentata sono stati mostrati sul palcoscenico da Sergey Brin in persona e finalmente sono stati resi noti i primi dettagli tecnici, nonché qualche prova tangibile del loro funzionamento.

Il prototipo monta un processore molto performante, un grande quantitativo di memoria RAM e tutte le interfacce del caso, dal microfono al pulsante touch sulle stanghette. Ciò nonostante, è ancora estremamente leggero e comodo da portare, come dimostrato in un video che ritrae due tennisti che giocano indossandoli.

Prevendita esclusiva - Il Project Glass è maturo a tal punto da poter essere distribuito agli sviluppatori che vorranno testarlo entro i primi mesi del 2013: chi è interessato, e risiede negli Stati Uniti, può già prenotare la cosiddetta Explorer Edition alla “modica” cifra di 1.500 dollari. Tutti gli altri dovranno, invece, aspettare il prossimo Google I/O che, con ogni probabilità, svelerà i prezzi al dettaglio e le date ufficiali del lancio.

Nexus Q - Come avevamo previsto, ampio spazio è stato dedicato alla multimedialità con la presentazione proprio quell’Android Entertainment Device che avrebbe dovuto rispondere alla Apple TV di Cupertino. Il nome del dispositivo è, in realtà, Nexus Q, dall'accattivante forma sferica chee sta sul palmo di una mano. Svolgerà tutte le funzione dei media player più evoluti, collegandosi via HDMI alla TV e con il Wi-Fi integrato alla rete, mentre darà il meglio di sé quando verrà utilizzato congiuntamente ai dispositivi Android.

Home theatre e non solo - I file multimediali, grazie al Nexus Q, viaggeranno nell’etere da una stanza all’altra, dal computer alla TV, passando attraverso smartphone e tablet. Di fatto, sembra molto più semplice della “vecchia” Google TV e ricorda da vicino la rivale Apple TV. Perché mai dovremo acquistare un dispositivo di questo tipo, che oltretutto costerà ben 299 dollari? Semplice, perché è stato “progettato e prodotto interamente negli Stati Uniti” e vanta una qualità costruttiva elevatissima. Se, poi, lo abbineremo alle apposite casse Triad - disponibili sul Play Store a 399 dollari - otterremo un home theatre di design, con tutte le tecnologie più all’avanguardia.

Milioni di Android - Google non si è, però, limitata a mostrare i progetti a cui sta lavorando per il presente e il futuro, ma ha anche diffuso i dati riguardanti l’innegabile successo registrato nell’ultimo anno, grazie soprattutto ad Android e al Play Store. È stato, infatti, annunciato il superamento della soglia delle 600.000 applicazioni disponibili, con un numero complessivo di installazioni prossimo ai 20 miliardi. Per quanto riguarda i dispositivi con Android, in 12 mesi le vendite si sono quadruplicate e in tutto sono state eseguite 400 milioni di attivazioni, con una media giornaliera che rasenta il milione di unità. Si tratta di cifre impressionanti, in linea con quelle esposte da Apple durante il suo ultimo keynote.

Regali strepitosi - Che Google goda di ottima salute si è capito da un ulteriore dettaglio, tutt’altro che trascurabile: a tutti i partecipanti è stato distribuito un kit a dir poco ricchissimo che, oltre alle solite T-shirt e spillette, comprendeva un telefonino Galaxy Nexus, un tablet Nexus 7 - entrambi aggiornati a Jelly Bean - e un hub multimediale Nexus Q. D’accordo, i biglietti d’ingresso non erano proprio a buon mercato - 900 dollari per i fan, 300 per gli accademici - ma alla fine il sacrificio è stato ampiamente ripagato. (sp)

28 giugno 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us