Tecno-prodotti

Tra Microsoft e Apple c’è una battaglia di parole

È in corso una battaglia letteraria sui vocaboli utilizzati.

Le compagnie hi-tech cercano di avere un’ubiqua presenza sul mercato e, per rimanere nella mente delle persone, anche le parole hanno un loro peso.

“Una lotta tra Apple e Microsoft sui vocaboli generici utilizzati in esclusiva commerciale”

Diatriba sui vocaboli – Tra Apple e Microsoft è in corso una battaglia letteraria sui vocaboli utilizzati. L’uso di termini comuni è sempre una scelta commercialmente rischiosa e, dopo il prefisso “i-“ imposto da Apple per i suoi prodotti, la lotta tra i due Big del mercato si sposta sul termine “app store”.

Nomi brevettati – Secondo Microsoft il termine “App Store” non è giusto che venga brevettato e utilizzato in esclusiva da Apple per nominare solo il suo negozio di applicazioni, dovrebbe essere invece utilizzato per tutti i negozi online che vendono applicazioni mobili. D’altro canto Apple risponde a Microsoft porprio oggi e ricorda al mondo che pure l’azienda di Richmond utilizza da diversi anni un nome fin troppo generico, per identificare il suo più popolare sistema operativo: Windows.

Nomen omen – E, come afferma ufficialemente la casa di Cupertino, al momento del debutto, non c’erano altri “App Store” al di fuori di Apple. Come è anche vero che “App Store”, secondo l’esperto linguistico Robert Leonard, è un termine che viene utilizzato per indicare il negozio digitale di Apple, in quanto è anche contrazione del nome della Mela. E, sempre rimanendo al tema dei nomi comuni e dei negozi virtuali, Microsoft utilizza il termine Marketplace, che è sempre un termine generico, per il suo Store. La battaglia di parole continua.

Scopri le curve di Heidi Klum. Guarda la gallery!

2 marzo 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us