Storm, la Ferrari delle e-bike

Costa poco - rispetto alle altre - ed è un gioiello tecnologico.

storm-ebike

L'ultima arrivata nel mercato delle biciclette elettriche si chiama Storm e-bike e sta facendo parlare di sé perché su Indiegogo, la piattaforma di crownfounding da cui è partito il progetto, sono stati raccolti oltre tre milioni di dollari, a fronte di una richiesta di finanziamento di 'soli' 75 mila dollari.

 

LA TESLA DELLE E-BIKE. La ragione di tanto entusiasmo è legata al prezzo promozionale di lancio (meno di 600 dollari) e alle ottime performance della bici, tra cui la possibilità di ricaricare la batteria, grande più o meno come una borraccia, in appena 90 minuti. Su queste caratteristiche qualche analista ha sollevato più di un dubbio), ma i due papà della Storm, John Hopp e Storm Sondors, non hanno comunque esitato a ribattezzarla "la Tesla delle biciclette".

 

UN MERCATO IN CRESCITA. Il favore con cui è stata accolta la Storm Electric Bike non è un caso isolato, ma piuttosto la conferma di come la pedalata assistita sia in costante ascesa. Merito di una maggiore sensibilità verso la salute del pianeta e del fatto che i produttori sfornano e-bike sempre più efficienti e hi-tech, con una strizzata d'occhio all'eleganza e all'originalità del design.


Nella gallery qui sotto vi mostriamo 8 e-bike che si distinguono per estro e soluzioni innovative. Alcune sono già sul mercato, altre – vedi la Storm – stanno per arrivare. C'è anche un modello sperimentale, che aspetta di uscire dai laboratori per mangiare un po' di asfalto. Tutte bellissime, tutte supertecnologiche, ma permetteteci un appunto: se la bicicletta era (e rimane) il mezzo di trasporto dei poveri, le e-bike sono il mezzo di trasporto degli esageratemente ricchi.

13 Febbraio 2015 | Davide Decaroli

Codice Sconto