Tecno-prodotti

Scatta una foto da mezzo milione di dollari

E' il più grande del mondo.

Mitchell Feinberg, un fotografo specializzato in still life di oggetti di lusso, si è fatto costruire un dorso digitale da guinness dei primati, non solo per la dimensione del sensore ma anche per il prezzo che ha sborsato per l'oggettino in questione.

“I due dorsi digitali con un sensore da record sono costati la bellezza di circa mezzo milione di dollari”

Sensore gigantesco - Esistono le compatte e le fotocamere digitali costituite da un corpo macchina con i relativi obiettivi intercambiabili. C'è poi il “dorso digitale” che è sostanzialmente un corpo macchina più evoluto, e molto più costoso, dotato di un sensore di medio/grande formato. Quello che si è fatto realizzare su misura il fotografo Mitchell Feinberg ha un sensore gigante: 8×10 pollici (circa 20 x 25 cm). Se pensi che i dorsi più grandi in commercio misurano massimo 4.5x6 cm, puoi farti un'idea della differenza di dimensioni con il prototipo in questione.

Grosso investimento - L'esigenza di farsi costruire un dorso così “sproporzionato”, che Feinberg ha ribattezzato Maxback, nasce dal costo e dalla quasi irreperibilità delle pellicole istantanee Kodak da 8x10” usate per le sue prove fotografiche. Feinberg ne scattava almeno 7 o 8 per foto e, al costo di 15 dollari a “botta”, si arriva a una spesa totale di 50mila dollari l'anno. Così ha deciso di “tagliare” le spese investendo in due dorsi a scansione - di cui uno di ricambio - da usare sulla sua vecchia Sinar le istantanee di prova. Il sistema artigianale, e il relativo software proprietario di gestione, gli è costato circa mezzo milione di dollari e genera file immagine da 10 megabyte di ottima qualità con risoluzione massima di 3285x2611 pixel. (gt)

Silvia Ponzio

3 settembre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us