Tecno-prodotti

Oakley sfida Google sulla realtà aumentata

Con lenti in realtà aumentata.

di
Google non è la sola che sta pensando a un paio d’occhiali che sfruttino la realtà aumentata. Anche Oakley, azienda leader dell’ottica, sta preparando un "paraocchi" analogo, che a breve vedremo indossare da alcuni testimonial del mondo dello sport.

"A differenza del progetto di Google, Oakley punterà molto sul design"

Tutti pazzi per il Project Glass
- Il Project Glass che stanno sviluppando a Mountain View ha fatto parecchio discutere nelle ultime settimane, un po’ perché sembra eccessivamente futuribile e un po’ perché tutti in fondo vorremmo provare questa realtà aumentata. Certo è che Google vuole investire mezzi e risorse per realizzare quanto prima questa geniale intuizione, anche se il campo dell’ottica non le appartiene.

I primi occhiali hi-tech - Oakley, al contrario, padroneggia già alla perfezione questo settore, usando lenti di altissima qualità e materiali all’avanguardia, e non se la cava male neppure con l’hi-tech, poiché non è nuova a esperimenti di questo tipo: da anni, esiste la serie di occhiali da sole Thump, che integrano nelle loro stecche un lettore MP3, mentre più recentemente è arrivata la gamma Razrwire, con auricolare Bluetooth incorporato. Il CEO dell’azienda californiana, Colin Baden, ha annunciato di volersi superare, lanciando un nuovo modello che svolgerà le stesse funzioni di un telefonino, senza doversi necessariamente collegare a un telefonino.

Stesse funzioni, design migliore - La notizia è apparsa sul sito d’informazione finanziaria Bloomberg: in un’intervista esclusiva, il manager dell’azienda - sussidiaria del nostrano gruppo Luxottica - ha fatto espressamente riferimento al sopraccitato Project Glass di Google. D’altronde, non dobbiamo stupirci, visto che il progetto in questione dovrebbe portare alla creazione di un paio d’occhiali che potranno essere comandati vocalmente in stile Siri, proietteranno tutte le informazioni direttamente sulle lenti e, soprattutto, avranno un design decisamente accattivante.

Gli occhiali danno carattere al viso - Oakley, sul terreno del design, può certamente fare la differenza su Google. Nell’intervista, è lo stesso Baden ad affermare che gli accessori che la gente indossa danno carattere e personalità al viso. Pertanto è facile immaginare che il progetto possa culminare con il lancio di qualcosa che valga la pena d’essere indossato sempre. Questi occhiali, inoltre, non escluderanno l’uso del cellulare, ma all’occorrenza lo integreranno, utilizzando la classica connessione Bluetooth.

Appuntamento a Londra? - A differenza di Google, per ora Oakley vuole tenere segreto il suo progetto e i test proseguiranno all’interno dei laboratori.

Non è ancora chiaro il tipo di informazioni che verranno mostrate sulle lenti: difficilmente verrà concessa la possibilità d’usare come sistema operativo Android e ancor più difficilmente Google collaborerà per portare le sue applicazioni sulla piattaforma rivale. Sappiamo soltanto che, almeno all’inizio, questi occhiali verranno indossati da alcuni atleti, che svolgeranno la funzione di testimonial: appuntamento, quindi, alle prossime Olimpiadi di Londra? Chissà... (sp)

Occhiali di Google... cosa potrebbe andare storto?

18 aprile 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us