Tecno-prodotti

Microsoft, Steve Ballmer e il futuro hardware

E critica Apple e Android.

di
L'impressione che Microsoft volesse cambiare rotta era chiara e adesso arriva la conferma ufficiale per bocca di Steve Ballmer in persona:: in futuro l’azienda punterà molto sull’hardware. E non risparmia critiche ad Apple e Android.

"Il prossimo anno potrebbe arrivare il primo smartphone made in Redmond"
Il futuro di Microsoft - La decisione di buttarsi a capofitto nel mondo dei tablet PC ha colto tutti di sorpresa, ma evidentemente le critiche ricevute da alcuni importanti partner commerciali - Acer su tutti - non hanno scoraggiato Microsoft, che è sempre più convinta che il futuro dell’informatica si giocherà sul binomio hardware-software, con dispositivi sempre più ottimizzati per i sistemi operativi che utilizzeranno. Parola di Steve Ballmer, il vero protagonista della settimana.

Un esordio modesto - Il CEO di Microsoft ha inaugurato la settimana ammettendo che il debutto commerciale del nuovo tablet Surface è stato piuttosto “modesto”: l’aggettivo è stato oggetto di ogni genere di interpretazione, poi è finalmente arrivata una nota ufficiale, in cui si spiega che il termine era riferito ai mercati in cui è stato lanciato e che l’accoglienza del pubblico è stata invece “fantastica”. Per questo motivo, in breve tempo la vendita verrà estesa in molte altre nazioni e l’Italia potrebbe essere una di queste.

Il modello Apple - Trionfo o insuccesso che sia, le somme si tireranno comunque l’anno prossimo ma, stando a quanto dichiarato da Ballmer, questa è la strada giusta da seguire per affermarsi nell’era post-PC. Tornano alla mente le indiscrezioni trapelate qualche settimana fa, che volevano Microsoft già al lavoro sullo sviluppo del primo smartphone made in Redmond. D’altra parte, il modello di riferimento implicito è sempre Apple, che ha fondato il suo impero proprio sui suoi iDevice.

Apple e Google sbagliano - Se questa è la tendenza per gli anni a venire, resta da valutare l’impatto che avrà sui partner commerciali di Microsoft: accetteranno il nuovo competitor - che per certi versi può essere considerato privilegiato, perché di fatto giocherà “in casa” - oppure si arriverà alla rottura, con il conseguente passaggio a nuovi sistemi operativi, Linux in primis? Si prospetta un futuro quanto mai incerto, ma Ballmer ha le idee chiare anche su un’altra questione: sia Apple che Google stanno sbagliando, seppure in modo diverso.

Il segreto di Microsoft - L’esperto manager americano giudica, infatti, l’ecosistema Android troppo “selvaggio” e “fuori controllo”, nonché esposto oltremodo a malware e ad altri rischi per la sicurezza.

Apple, invece, esagera sotto due aspetti differenti: i prezzi di vendita dei suoi prodotti e i controlli esercitati sulle applicazioni e sugli accessori sviluppati da terze parti. Secondo Ballmer, entrambe le aziende mancano di quelli che sono i veri valori aggiunti propri di Microsoft, ovvero l’organizzazione e la varietà dell’offerta, insieme al supporto fornito agli sviluppatori.

Le conseguenze di Sinofsky - L’unico parametro che il buon Steve non può ancora valutare è l’effetto che avrà l’avvicendamento ai vertici della divisione Windows sul futuro dell’azienda: Julie Larson-Green sarà davvero in grado di raccogliere la pesante eredità di Steven Sinofsky? E, soprattutto, il grande pubblico darà ragione a Microsoft questa volta? Difficile a dirsi per ora, ma certo è che il 2013 si preannuncia un anno pieno di sorprese. (sp)

Microsoft Surface è solo l'inizio!

16 novembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us