Tecno-prodotti

Maggiore è lo schermo, migliore è il 3D: parola d'esperto!

Il 3D é migliore sugli schermi grandi...

Ormai l'avrete capito tutti: il futuro degli schermi, sia grandi che piccoli, è nel 3D. Neppure noi abbiamo dubbi in merito, visto il numero di post pubblicati negli ultimi giorni che vertono sull'argomento. Anche Steve Schklair, amministratore delegato di 3ality Digital, non nasconde soddisfazione ed ottimismo in merito, alla luce dei grandi successi ottenuti dalle trasmissioni televisive del derby newyorkese di hockey tra Rangers ed Islanders e dei Masters di Augusta di golf.

In una recente intervista, Schklair ha sottolineato il cambiamento che il 3D sta apportando alla regia sportiva in particolare e l'importanza dei feedback da parte del pubblico, per perfezionare questa rivoluzione. Sostiene, infatti, che dal punto di vista strettamente tecnologico sia stato più impegnativo il passaggio all'alta definizione piuttosto che quello alla tridimensionalità; dal punto di vista della regia, invece, diventa molto più importante alternare sapientemente riprese in soggettiva a quelle panoramiche, per coinvolgere appieno lo spettatore.

L'intervistato conclude, poi, con un "saggio" consiglio rivolto proprio al fulcro di questa rivoluzione, lo spettatore: maggiore è lo schermo, migliore è l'effetto 3D. Come dargli torto? E' lui l'esperto, ma al momento non tutti possono permettersi un televisore LCD 3D di almeno 46 pollici...

Per ora, in Italia dobbiamo limitarci a sfruttare questa tecnologia nelle sale cinematografiche opportunamente attrezzate, ma siamo certi che non dovremo aspettare a lungo per poterla sperimentare direttamente nelle nostre case. Durante i prossimi mondiali di calcio in Sud Africa, infatti, il match della nostra nazionale contro la Slovacchia verrà trasmesso in 3D: iniziate a munirvi di occhialini e magliette azzurre...

14 aprile 2010 Luca Busani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us