Tecno-prodotti

Le schede grafiche scovano le password

La password sicura è un miraggio.

Un recente esperimento ha dimostrato che una Gpu di buon livello è in grado di scovare una password in tempi rapidissimi. Non servono anni, mesi o giorni: una scheda come la Ati Radeon HD 5770 impiega meno di un secondo a “indovinare” una password di 5 caratteri.

“Gli ingredienti per scovare una password sono una scheda grafica e un programmino che sfrutta la forza bruta”

Gpu contro Cpu - Se una Cpu (Central Processing Unit) è il processore di un computer, la Gpu (Graphics Processing Unit) è il “micro processore” a uso e consumo della scheda grafica che adesso è in grado di gestire ed elaborare autonomamente video e grafica ad alta risoluzione e addirittura in tre dimensioni. Una Gpu, sebbene operi a frequenze più basse rispetto a una Cpu, è più veloce del “classico” processore nell’esecuzione di alcuni compiti. E a quanto pare crakkare le password è una delle operazioni in cui se la cava meglio.

Forza bruta - L’esperimento in questione vede come protagonisti una scheda Ati Radeon HD 5770 e il programma gratuito IGHASHGPU che sfrutta la forza bruta per individuare la password tentando migliaia di combinazioni di lettere e numeri possibili fino a beccare quella giusta. I risultati dell’operazione hanno dimostrato che la Gpu è molto più veloce della Cpu. La Radeon, insieme al programmino “brutale” ha impiegato meno di un secondo per scoprire una password di 5 caratteri come “fjR8n” passando al setaccio ben 9,8 milioni di password al secondo, mentre una normale Cpu ci ha messo 24 secondi. I tempi salgono fino a 4 secondi di fronte a una password di 6 caratteri “pYDbL6? (1 ore e mezza per la Cpu) e a 17 minuti e 20 secondi per una password di 7 caratteri come ““fh0GH5h” contro i 4 giorni della Cpu. I tempi si allungano all’aumentare del numero di caratteri e la complessità ma la Gpu batte sempre la Cpu. (pp)Silvia Ponzio

Guarda il video

6 giugno 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us