Tecno-prodotti

Le applicazioni delle Smart TV sono poco usate

Le applicazioni integrate interessano poco.

di
Se anche tu possiedi una Smart Tv, ma la usi come se fosse una normale televisione, allora sappi che non sei il solo: la maggior parte delle persone ignora l’uso delle applicazioni che le rendono così “intelligenti”.

"Il 10% usa le Smart TV solo per navigare sul web"
Utenti poco furbi? - La novità data dai modelli più recenti di schermi televisivi è proprio il loro aspetto “Smart”. Grandi colossi come Sony, Samsung e Panasonic hanno reso le Tv in grado di far funzionare applicazioni proprio avviene su smartphone e tablet. Peccato che la maggior parte degli utenti non le utilizzi affatto. Questo è quanto risulta dalle indagini di NPD, società di ricerca americana.

Forse sono volubili? - Lo studio di NPD ha preso in esame i circa 25 milioni di dispositivi attivi negli Stati Uniti. Il risultato più evidente è che la maggior parte dei possessori di Smart TV pretende di tutto al momento dell’acquisto, ma poi non usa le applicazioni integrate. Le persone non hanno voglia né di bazzicare su Facebook o Twitter, né su YouTube o LinkedIn, o altri servizi web così tanto in voga. Il 60% degli utenti, infatti, usa applicazioni come NetFlix, Hulu Plus per lo streaming video, mentre il 15% utilizza Pandora per ascoltare la musica.

O sono già andati oltre? - Lo scarso utilizzo delle applicazioni presenti nelle Smart Tv è sicuramente dovuto ai dispositivi antagonisti già sul mercato, fra cui la Apple Tv. Anche il “content throwing” è un ottimo motivo: inviare i contenuti da tablet o smartphone, per guardarli poi direttamente sulla tv, rende le applicazioni molto meno interessanti. Questo è quanto accade in America: figuriamoci qui da noi, dove le Smart Tv stanno arrivano con tutta calma nei nostri salotti. (sp)

Le 10 tecnologie che cambieranno il mondo

27 gennaio 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us