Tecno-prodotti

Il Kindle Fire soddisfa meno dell’iPad. Perché?

Chi ha il Kindle è meno soddisfatto di chi ha l'iPad.

Il Kindle Fire è uno dei tablet più in voga del momento, perché offre il miglior rapporto qualità/prezzo. C’è però un altro dato, tutt’altro che positivo che deve far riflettere Amazon: quasi un terzo degli utenti si ritiene insoddisfatto dell’acquisto a distanza di tre mesi.

“Le lamentele dei proprietari dell'Anazon Kindle Fire riguardano soprattutto il design”

Col senno di poi - Una recente statistica elaborata a ChangeWave rileva che il 29% delle persone che hanno acquistato da almeno 90 giorni un Kindle Fire sarebbe disposto a spendere di più per avere un prodotto migliore. Una cifra davvero impressionante, se consideriamo che il numero degli “scontenti” supera di oltre 10 punti la media degli altri tablet con a bordo Android.

Le critiche - Stando allo stesso campione rappresentativo, soltanto il 54% dei clienti Amazon si dichiara pienamente soddisfatto, contro il 74% dei “fortunati” possessori di un iPad. Le lamentele riguardano soprattutto il design del Kindle: la mancanza di tasti fisici per la regolazione del volume viene al primo posto, mentre al secondo troviamo l’assenza di una fotocamera. Le dimensioni del display, invece, non sembrano poi così male, visto che vengono criticate solo dal 10% degli intervistati.

Gli apprezzamenti - Al contrario, i principali motivi di soddisfazione sono legati al costo contenuto - e ci mancherebbe altro, con meno di 200 dollari - e alla buona qualità dello schermo e della sua interfaccia grafica. Anche in questo caso, le dimensioni ridotte hanno influito ben poco, poiché soltanto il 12% degli utenti le ha indicate tra i pregi del Kindle Fire. Curiosamente, nel bene o nel male, in pochi si sono ricordati della totale assenza della connessione 3G, per navigare in mobilità.

I segreti di un buon tablet - I numeri ci dicono, però, un’altra cosa: il Kindle Fire vanta comunque un tasso di gradimento più alto di ben 5 punti percentuali rispetto agli altri prodotti che utilizzano il sistema operativo mobile di Google. Questo implica due considerazioni: innanzitutto, che un tablet Android per poter avere successo deve costare molto meno dell’iPad, e poi che i prodotti più cari della categoria difficilmente vengono compresi e sfruttati a dovere, diversamente da quanto accade per Apple.

Chi sceglie Amazon lo fa per i contenuti - C’è un’ultima nota positiva che non va dimenticata: chi acquista un Kindle è sempre più propenso a spendere in un secondo tempo per i contenuti digitali, siano essi eBook, MP3 o altri file multimediali.

Alla fine, per Amazon quello che conta è proprio questo: potrà anche non guadagnare nemmeno un dollaro dalle vendite dei dispositivi, ma le sue strategie commerciali sono sempre impeccabili e estremamente redditizie. (sp)

Luca Busani

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

SuJacktech.it trovi anche...

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

3 febbraio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us