Tecno-prodotti

iFixit ha fatto a pezzi il nuovo iPod touch 5G

Svelata la componentistica.

di
Gli esperti smanettoni, e un po’ pazzerelli, di iFixit hanno letteralmente smontato pezzo dopo pezzo il nuovo iPod touch 5G svelandone tutti i segreti tecnologici nascosti al suo interno. Scopriamo insieme se si tratta davvero del fratello povero dell'iPhone 5.

"Il nuovo iPod touch 5G è così sottile da essere quasi impossibile da smontare"
Gli manca giusto la parola - Il lettore multimediale per eccellenza di casa Apple, giunto recentemente alla quinta generazione, si presenta - quantomeno esteriormente - completamente rinnovato nel design e funzionalmente sempre più simile a uno smartphone di fascia alta: il suo display ha, infatti, raggiunto i 4 pollici di diagonale, la fotocamera è salita a ben 5 Megapixel e ci sono pure tutte le connessioni - dal Bluetooth 4.0 al Wi-Fi 802.11a/b/g/n - e i sensori tipici dei melafonini.

Due modelli, sei colori - Un altro cambiamento importante riguarda la memoria interna del dispositivo: cancellato dal listino l’entry level da 8 GB, sono rimasti soltanto due modelli, da 32 e da 64 GB, che costano rispettivamente 329 e 439 euro. In compenso, arrivano tanti nuovi colori per la cover posteriore: oltre ai classici grigio e nero, troviamo il giallo, il rosa, il blu e il rosso. Sotto il profilo economico risulta, quindi, evidente che ci troviamo al cospetto di un prodotto ben al di sopra della media e certamente non alla portata di tutti, ma siamo certi che anche all’interno sia all’altezza delle aspettative?

iFixit all’attacco - I tecnici del celebre sito iFixit devono essersi fatti la stessa domanda e, appena sono riusciti a mettere le mani su un esemplare del nuovo iPod touch 5G, non hanno resistito alla tentazione di “smembrarlo”, per poi passare al microscopio ogni suo singolo pezzo. I nostri eroi - armati di una pistola termica, una pinzetta e un set di cacciaviti di precisione - hanno estratto per primo lo schermo che, nonostante le apparenze, si è dimostrato ben più economico di quello utilizzato nell’iPhone 5.

Un solo cavo per tutto - Il passo successivo prevedeva la rimozione della batteria integrata - notevolmente migliorata, passando dai precedenti 930 agli attuali 1030 mAh - e quindi delle due fotocamere, che sono risultate collegate insieme da un unico cavo, che va dai pulsanti di accensione e di regolazione del volume alla scheda madre, facendo un lungo giro all’interno della scocca Si tratta di una soluzione già vista in passato, economicamente vantaggiosa per il produttore, ma poco pratica in caso di riparazione, perché alla fine bisogna sempre sostituire l’intero pezzo.

Il cuore del vecchio iPhone - La stessa soluzione è stata adottata anche per il connettore Lightning, ma il vero pezzo forte è stato estratto per ultimo. Stiamo parlando della scheda logica che unisce il microprocessore, i controller e le memorie integrate: la CPU è la stessa A5 utilizzata per il vecchio iPhone 4S, mentre la RAM ammonta a 512 MB e la memoria di massa è fornita da Toshiba. Esaminando, invece, quel che resta della scocca, gli esperti si sono resi conto che il pulsante “Home” non è stato rinforzato come nel caso dell’iPhone 5.

Quasi irreparabile - Gli amici di iFixit, tirando le somme, hanno espresso un voto decisamente insufficiente - 3 su 10, per la precisione - in merito alla riparabilità del nuovo iPod touch 5G: d’altra parte, ridurre del 20% la già esilissima scocca dell’iPhone 5 non dev’essere stata un’impresa facile per gli ingegneri di Cupertino e, con un tale grado di miniaturizzazione, si sarà reso necessario qualche “piccolo” compromesso in fase di progettazione.

Prevenire è meglio che curare - Anche quest’oggi siamo, quindi, costretti a concludere con lo stesso suggerimento che ti abbiamo dato ieri: se hai acquistato un iPod touch di quinta generazione, ti consigliamo di proteggerlo subito adeguatamente, altrimenti - soprattutto in caso di danni non coperti dalla garanzia - farlo riparare saranno dolori. (sp)

Apple iPhone 5 e i suoi fratelli musicali

12 ottobre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us