Tecno-prodotti

IBM vieta Siri e i servizi cloud ai suoi dipendenti

Devono usare il servizio interno MyMobileHub.

di
Applicazioni come la ricerca vocale di Siri o lo storage di iCloud e Dropbox potrebbero regalare ai concorrenti preziose informazioni aziendali riservate. E IBM corre ai ripari.

"La privacy vale doppio se lavori in una azienda del calibro di IBM"

Niente Siri al lavoro -

in un'intervista al MIT Technology Review

Informazioni sensibili - Il motivo della scelta della Horan è semplice, quasi banale: proteggere le informazioni sensibili dell'azienda. Quando usiamo Siri e pronunciamo alcune parole per ottenere una risposta, per esempio, Apple registra e mantiene sui suoi server il file audio corrispondente. Lo può fare, visto che è previsto dai termini del servizio che bisogna accettare per usarlo. Discorso molto simileanche per i file o le foto che depositiamo su iCloud, ma anche su Dropbox o gli altri servizi tra le nuvole che hanno tutti, più o meno, le stesse condizioni di utilizzo. Chi offre il contenitore può sbirciare nel contenuto. E se il contenuto è una informazione importante per l'azienda per cui lavori, è come se autorizzassi il nemico a fare spionaggio industriale sui tuoi dati.

Se ha paura IBM - Viene da chiedersi, a questo punto, quali conseguenze avrà la mossa di IBM - che nel frattempo ha invitato i suoi dipendenti ad usare il servizio proprietario MyMobileHub - sulle altre grandi aziende che usano servizi cloud. IBM, non c'è neanche bisogno di dirlo, se si preoccupa della privacy dei propri dipendenti lo fa a ragion veduta: a buon intenditor poche parole. Eppure c'è anche un altro aspetto da considerare: la produttività. Specialmente nelle aziende tecnologiche, infatti, la diffusione di smartphone, tablet e servizi cloud ha effettivamente incrementato la capacità dei dipendenti di scambiarsi in fretta e a costi praticamente nulli una gran mole di informazioni. Ha anche migliorato il lavoro collaborativo e azzerato le distanze tra le sedi sparse in mezzo mondo. Può veramente una grande azienda dell'IT fare a meno di tutto questo? (sp)

24 maggio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us