Tecno-prodotti

I dolori del giovane Microsoft Windows 8

Basse per colpa di netbook e notebook

di
Windows 8 non riesce a sfondare, e questo è un dato di fatto. Ma di chi è la colpa di questa defaillance? Probabilmente dei netbook, delle prestazioni troppo "risicate" per far girare il nuovo sistema operativo Microsoft, e alle vendite in calo dei notebook.

"Windows 7 vende ancora 20 milioni di licenze al mese, grazie ai netbook"

Slow motion

Nonostante i toni trionfalistici utilizzati negli ultimi giorni da Microsoft, i primi mesi di vita di Windows 8 sono stati tutt’altro che esaltanti.

Galeotto fu… - O per meglio dire, galeotti furono notebook e netbook. I notebook, infatti, hanno fatto registrare vendite pessime in questo periodo festivo. Se fino a un paio di anni fa un laptop era uno dei regali più ambiti, e quindi uno degli oggetti elettronici più acquistati, quest’anno le vendite sono letteralmente precipitate. Le vendite dei portatili, riispetto all'anno scorso, sono calate dell’11%, mentre nello stesso periodo le vendite dei MacBook sono calate “appena” del 6%. E questo di certo non ha favorito la diffusione di Windows 8 nel suo periodo di lancio.

Poco prestazionali - Ma i maggiori responsabili, stando a quanto affermano alcuni analisti statunitensi, sono i netbook. Nonostante il loro calo di popolarità che questi ultimi tempi hanno registrato - tanto che Asus, Acer e Samsung hanno deciso di interromperne la produzione - sono ancora molto richiesti soprattutto da quella fascia di utenti alla ricerca di dispositivi funzionali ed economici. E Windows 7, sotto il punto di vista delle specifiche hardware richieste, è ancora un sistema più che perfetto. (sp)

Microsoft Windows 8 e le applicazioni

7 gennaio 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us