Tecno-prodotti

Fujifilm inventa il sensore fotografico organico

È ricoperto da una pellicola organica a base di carbonio.

Fujifilm brevetta un’innovativa tecnologia che promette sensori più economici ed efficienti rispetto a quelli presenti sulle attuali fotocamere e videocamere. Peccato che non sappiamo quando mai arriveranno sul mercato.

“Il sensore è ricoperto da una pellicola organica a base di carbonio”

Luminosa invenzione - Fotocamere e videocamere digitali usano sensori CMOS o CCD, semiconduttori (diodi) sensibili alla luce che la convertono in elettroni - ovvero in segnali elettrici - che il processore grafico provvede a trasformare in un’immagine da memorizzare sotto forma di file. Fujifilm, invece, ha sviluppato (e brevettato) un innovativo sistema ibrido che sfrutta una pellicola di materiale organico - a base di carbonio - per trasformare la luce in elettroni da far “interpretare” al circuito CMOS collegato.

Niente male - I vantaggi della tecnologia messa a punto da Fujifilm sono molteplici. La pellicola organica, innanzitutto, può essere distribuita sull’intera superficie del sensore, quindi senza punti morti, in modo da sfruttare al massimo lo spazio disponibile. E poi non servono più, come nei sensori al silicio tradizionali, né un filtro per i raggi infrarossi per attenuare i disturbi, né un sistema di microlenti per dirigere la luce verso le aree sensibili. Senza contare che non è più necessario neanche dividere il sensore in tante zone sensibili. In pratica, secondo Fujifilm, i suoi sensori - a parità di dimensioni rispetto a quelli "normali"- sarebbero più efficienti ed economici da produrre.

Dubbi e tempi - Eric Fossum, inventore dei sensori CMOS alla base delle moderne fotocamere, si è detto impressionato dall’invenzione, anche se non è del tutto convinto dei reali benefici. Anche perché sembra che ci vorranno alcuni anni prima che gli “occhi digitali a pellicola organica” del produttore giapponese arrivino sul mercato. Un lasso di tempo che i concorrenti potrebbero sfruttare per perfezionare le tecnologie già esistenti. Il principale problema degli attuali sensori è che i pixel devono essere sempre più piccoli quindi, nonostante gli sforzi nella ricerca, l’efficienza nel catturare la luce e la sensibilità dei sensori CCD e CMOS tende a diminuire sempre più. (sp)

Luigi Callegari

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

Sfoglia l'archivio delle fotocamere di JACK!

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

27 dicembre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La Bibbia è il libro più famoso del mondo. Eppure, quanti sanno leggere fra le righe del racconto biblico? Questo numero di Focus Storia entra nelle pagine dell'Antico Testamento per comprendere dove finisce il mito e comincia la storia, anche alla luce delle ultime scoperte archeologiche. E ancora: la Crimea, terra di conquista oggi come ieri; l'antagonismo fra Coca e Pepsi negli anni della Guerra Fredda; gli artisti-scienziati che, quando non c'era la fotografia, disegnavano piante e animali per studiarli e farli conoscere.

 

ABBONATI A 29,90€

Come sta la Terra? E che cosa può fare l'uomo per salvarla da se stesso? Le risposte nel dossier di Focus dedicato a chi vuol conoscere lo stato di salute del Pianeta e puntare a un progresso sostenibile. E ancora: come si forma ogni cosa? Quasi tutti gli atomi che compongono ciò che conosciamo si sono generati in astri oggi scomparsi; a cosa servono gli scherzi? A ribadire (o ribaltare) i rapporti di potere; se non ci fosse il dolore? Mancherebbe un segnale fondamentale che ci difende e induce solidarietà.

ABBONATI A 31,90€
Follow us