Focus

eMachines Mini-e, il nettop che sogna di diventare media center

Un nettop molto multimediale!

emachines_167529
|

E' la moda: ciò che è nato tascabile diventa sempre più grande - basti considerare l'iPad, che altro non è che un iPhone maggiorato -, mentre ciò che è nato grande viene sempre più miniaturizzato. In effetti, laptop e desktop negli ultimi anni stanno compiendo percorsi simmetrici: da un lato fioccano proposte come il nuovo AcerAspire 8942, un portatile che sfoggia un gigantesco display da 18,4 pollici, mentre dall'altro arrivano prodotti del calibro del Mac Mini, che addirittura è stato recentemente rinnovato per ridurre ulteriormente dimensioni e consumi. In verità, l'intento di Apple era anche quello di ridurne i costi, ma da questo punto di vista 799€ non sembrano proprio un grande risultato.

 

In questo è stata molto più brava eMachines, sussidiaria di Acer, che a soli 240€ ha lanciato il Mini-e ER1402. Questo prodotto nasce come nettop - ovvero un desktop di dimensioni e performance alquanto contenute - ma, esaminandolo più a fondo, rivela sorprendenti doti degne dei migliori media center. Il suo case ha un diametro di soli 18cm con un peso complessivo di 4 kg ed in dotazione viene fornito un pratico kit per fissarlo sul retro della TV di casa, a patto che questa sia sufficientemente grande per nasconderlo. Nonostante la compatezza, vanta però un hardware di tutto rispetto: ha un processore AMDAthlon II Neo, scheda video NvidiaGeForce 9200, 2 GB di RAM, 160 GB di hard disk, lettore di schede di memoria, connessione Wi-Fi integrata, 4 porte USB e, soprattutto, una HDMI, pensata proprio per collegarlo con le nuove televisioni Full HD. Come sistema operativo è stato scelto Windows 7, che garantisce la massima duttilità in termini di navigazione, esecuzione di files multimediali e - perché no - d'intrattenimento videoludico.

 

Circa una settimana fa, vi ho parlato dell'ottima piattaforma Bravia Internet Video ideata da Sony: sono certo che prodotti come questo Mini-e consentiranno ai possessori di TV di altre marche di sopperire a questa mancanza con una spesa davvero modica. Poniamo solo l'accento su un piccolo neo del nettop di eMachines: non è stato dotato di alcun lettore di supporti ottici (sarebbe stato perfetto un Blu-ray, anche se mi sarei accontentato di un banale DVD), che avrebbe completato eccellentemente la sua vocazione multimediale.

 

Rimango, così, in attesa dei prossimi tentativi: chi riuscirà ad aver la meglio nella titanica lotta per il dominio dei nostri salotti?

 

28 giugno 2010 | Luca Busani