Focus

Da scatola a quadro: come è cambiata la tv

Dai primi modelli elettromeccanici agli schermi in ultra alta definizione: un breve viaggio nella storia della televisione, con una sorpresa tutta italiana. Ecco com'è cambiata.

La tv ideata da John Logie Baird in un diagramma del 1935. Dieci anni prima, il 2 ottobre 1925 l'inventore scozzese aveva realizzato la prima trasmissione televisiva.
Vai a: Coupon eBay di Focus.it

Un modello a tubo catodico: con lo schermo tondo. Siamo nel 1952. Come si vede un programma in un televisore del genere?

Qui sotto il video di un apparecchio Tele-Tone statunitense del 1949 recentemente restaurato.

Uno dei primi tv a colori per il mercato Usa (1954). In realtà si tratta di un convertitore - la scatola superiore - da aggiungere a un normale televisore in bianco e nero - in basso - per trasformarlo in una tv a colori.

Dagli anni '60, il televisore inizia a entrare nelle case anche degli europei. Come un grosso mobile.

La prima istallazione domestica, che resisterà per decine di anni, è quella che sostituisce il caminetto: poltrone e divani si orientano verso il nuovo mobile di casa.

Pubblicità del primo televisore a tubo catodico prodotto in Italia: lo realizzava la Safar, nata a Milano nel 1923 per produrre apparecchi radio militari. Sfornò televisori fino al 1948, anno del suo fallimento.

Il museo della Scienza e tecnologia di Milano ospita la più completa raccolta di apparecchi tv in Italia.

Tra il 1930 e il 1939, l'americana RCA spese oltre tredici milioni di dollari per sviluppare la televisione elettronica. In Italia questa nuova tecnologia fu sviluppata a partire da metà degli anni Trenta da tre grandi aziende nazionali: la Magneti Marelli (sistema RCA), la Allocchio Bacchini (sistema Telefunken) e la Safar (sistema derivata dalla Telefunken e telepantoscopio) come viene raccontato al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano.

Un tuffo nel passato? Quasi. Ragazzi giocano a Pac man su una console Atari 2600 collegata a un tv a tubo catodico. Siamo all'E3 2013, in un'area dedicata al retrogamig: lo sviluppo dei videogiochi ha fatto della tv un apparecchio di aggregazione per i giovanissimi.

L'interno di una fabbrica coreana che produce tv lcd: non più scatole, ma quadri (quasi) piatti.

Un tv gigante (64 pollici) al plasma: inventati nel 1964, si sono diffusi all'inizio del 2000. Consumano più corrente degli schermi Lcd.

Un consiglio: per scegliere la tv, guardate più schermi contemporaneamente, con lo stesso programma sincronizzato. E diffidate delle marche che non li mostrano tutti insieme nei centri commerciali.

Prototipo di Sony a led organico (oled): apparso nel 2008, oggi è lo standard negli schermi di smartphone e tablet.

Oggi uno schermo led supera agevolmente i 50 pollici.

Un monito curvo a ultra alta risoluzione: quattro volte quella del full hd.

La tv ideata da John Logie Baird in un diagramma del 1935. Dieci anni prima, il 2 ottobre 1925 l'inventore scozzese aveva realizzato la prima trasmissione televisiva.
Vai a: Coupon eBay di Focus.it