Tecno-prodotti

Chi ha inventato il mouse e perché si chiama così?

E perché si chiama così? Scoprilo.

di
Ti sei mai chiesto a chi sia venuta l’idea geniale di inventare il mouse? O credevi che fosse qualcosa di ovvio fin dall’inizio? Dietro un oggetto così importante, ci deve essere qualcuno di altrettanto interessante...

"Engelbart è stato inserito nel 1998 nella Hall Of Fame degli inventori"
Mica uno qualunque - Mouse e tastiera, ossia le due periferiche che hanno decretato il successo del computer moderno. Sappiamo ormai tutto sul perché usiamo proprio un modello Querty e perché c’è quel misterioso tasto ESC, adesso è il turno del mouse. Douglas Engelbart, il vero padre dell’idea, ci ha lavorato a lungo. Il suo progetto, sviluppato nell’ambito del suo “Augmentation Research Center”, era completo e all’avanguardia. Lo scienziato, già negli anni sessanta ipotizzava una versione aumentata della realtà e dell’intelletto umano. Engelbart ha sviluppato il mouse, ma ha anche contribuito a tantissime altre invenzioni, di cui 45 brevettate a suo nome..

Detto, fatto - Il grande desiderio dell’inventore americano si evince dalle sue stesse parole: «Sarebbe magnifico se potessi inspirare gli altri, aiutandoli a realizzare i propri sogni». Di sicuro di persone ne ha aiutate parecchie. Pochi sono, invece, coloro che hanno aiutato lui nel 1964 quando sperimentava il primo prototipo di “mouse” realizzato da una scatola di legno e due rotelle di metallo che permettevano di muoverlo sugli assi cartesiani. L’idea iniziale in effetti era questa, ossia quella di un “indicatore di posizione X-Y per sistemi dotati di schermo”. Pensa che Engelbart ha ricevuto la conferma della registrazione del suo brevetto solo nel 1970!

Momenti storici - Il grande annuncio avvenne, però, molto prima, nel 1968. Douglas Engelbart, in una presentazione di 90 minuti tenutasi nel suo laboratorio - puoi guardarla qui sotto - mostrò al mondo i primi dispositivi che col passare degli anni sarebbero diventati quello che oggi conosciamo tutto come mouse. Senza saperlo, in quel momento stavamo assistendo, anche alla nascita delle prime schermate dotate di "finestre" - e non di semplici scritte -, all'invenzione degli ipertesti (e relativi link) e alla videoconferenza.

Ma perché si chiama così? - Prima di dirtelo, Douglas Engelbart sappi che ha fatto giusto in tempo a registrarne la paternità. Il trackball, innanzitutto, esisteva già dal 1952, grazie al trio composto da Tom Cranston, Fred Longstaff e Kenyon Taylor (ma era un progetto militare segreto). Anche Telefunken, inoltre, aveva già prodotto qualcosa di simile e messo in vendita nello stesso ’68. Quasi dimenticavo: Il mouse si chiama così perché il filo che usciva dalla parte inferiore ricordava una coda, rendendolo simile all’animaletto, ovvio no? (sp)

Douglas Engelbart presenta al mondo il primo mouse

11 novembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us