Tecno-prodotti

Apple TV, che sia finalmente la volta buona?

Questa sembra essere la volta buona.

di
Il momento dell’Apple TV sembra essere arrivato. Finalmente verrebbe da dire. Dall’Asia arriva l’ennesima indiscrezione sul televisore made in Cupertino: pare che l'azienda Hon Hai stia producendo i primi prototipi in collaborazione con Sharp. Ma i tempi di commercializzazione restano ancora avvolti nel mistero.

"I primi prototipi dell'Apple TV sono in fase di produzione in Asia"

Il momento

Apple TV

iTV

Repetita iuvant - Il problema reale, in questo caso, è capire quanto ci sia di vero dietro le indiscrezioni che arrivano dall’Asia. Come detto, annunci e smentite sul televisore made in Cupertino si sono ripetuti a ritmi vertiginosi negli ultimi 12 mesi. Non più di una settimana fa si era tornati a parlare dell’argomento, riprendendo le voci di agosto, di maggio e del dicembre dello scorso anno. È vero, come sostenevano i latini, che repetita iuvant, ma in campo giornalistico un po’ troppe ripetizioni di notizie, poi smentite, fanno pensare a una colossale bufala.

Un anno - Ma non sembra essere questo il caso. Lo scorso novembre Gene Muster sosteneva che prima di vedere sugli scaffali un televisore con il marchio Apple sarebbero stati necessari ancora 12 mesi. E, più o meno, con i tempi ci siamo. Le notizie che arrivano dall’Asia parlano di un iTV ancora a livello “embrionale”, nelle prime fasi di sviluppo del design. Anche se Apple è solita sviluppare da sé i propri prototipi, si può pensare che in questo caso si sia voluta affidare a un partner che abbia più esperienza di lei in fatto di televisori ad alta definizione. Dall’inizio dell’anno, infatti, Hon Hai sta focalizzandosi nell’assemblaggio di televisori con schermi di grandi dimensioni. E questo potrebbe fare la differenza quando sarà ora di lanciare la produzione a livello industriale. (sp)

LA STORIA DI APPLE IN 30 SECONDI

13 dicembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us