Tecno-prodotti

La voce di Apple Siri è della doppiatrice Susan Bennett

Forse qualcuno pensava che la voce dell’assistente tutto-fare di iPhone e iPad fosse generata al computer, e invece no! Si tratta di una doppiatrice professionista che ha svelato la sua vera identità alla CNN in un’intervista.

Siri è stata una delle maggiori novità dall'autunno del 2011. È un assistente tuttofare con il quale basta usare la voce per inviare messaggi, fissare riunioni, telefonare etc. Fai una domanda, Siri cerca di capire e lo fa. Ma soprattutto ti risponde. Con una voce tutta sua il cui segreto - almeno per la versione in inglese - è stato svelato soltanto ora.

Da dove viene il nome Siri

Apple ha preso il nome del suo assistente vocale tutto fare dal Norvegese dove significa “bella donna che ti porta alla vittoria”. A Steve Jobs, però, questo nome non piaceva affatto, e si oppose, ma il fondatore di Apple alla fine dovette arrendersi perché non trovò niente di meglio. E Siri fu…

Lo ha svelato Siri stessa, o meglio la sua voce. Susan Bennett, doppiatrice professionista di Atlanta, ha spiegato in due interviste alla CNN (qui sotto) che nel 2005 ScanSoft (oggi Nuance) - nota società specializzata nella tecnologia per il riconoscimento vocale e dettatura automatica - contattò GM Voices alla ricerca di una voce nuova da inserire in un progetto “top secret”.

GM Voices pensò subito a Susan Bennett, già voce di navigatori, spot pubblicitari e sistemi telefonici. ScanSoft, nonostante altri candidati, non ci pensò un attimo e fece firmare a Susan un contratto nel giugno del 2005 che prevedeva una serie di registrazioni da utilizzare in un database per la costruzione di un “discorso”. Un progetto che richiese un mese di lavoro e quattro ore di registrazioni quotidiane. La tecnologia proprietaria che si cela dietro Siri, infatti, non è di Apple, bensì di Nuance.

Susan Bennett racconta la sua avventura con Siri.




Da dove viene il nome Siri

Apple ha preso il nome del suo assistente vocale tutto fare dal Norvegese dove significa “bella donna che ti porta alla vittoria”. A Steve Jobs, però, questo nome non piaceva affatto, e si oppose, ma il fondatore di Apple alla fine dovette arrendersi perché non trovò niente di meglio. E Siri fu…

Lo ha svelato Siri stessa, o meglio la sua voce. Susan Bennett, doppiatrice professionista di Atlanta, ha spiegato in due interviste alla CNN (qui sotto) che nel 2005 ScanSoft (oggi Nuance) - nota società specializzata nella tecnologia per il riconoscimento vocale e dettatura automatica - contattò GM Voices alla ricerca di una voce nuova da inserire in un progetto “top secret”.

GM Voices pensò subito a Susan Bennett, già voce di navigatori, spot pubblicitari e sistemi telefonici. ScanSoft, nonostante altri candidati, non ci pensò un attimo e fece firmare a Susan un contratto nel giugno del 2005 che prevedeva una serie di registrazioni da utilizzare in un database per la costruzione di un “discorso”. Un progetto che richiese un mese di lavoro e quattro ore di registrazioni quotidiane. La tecnologia proprietaria che si cela dietro Siri, infatti, non è di Apple, bensì di Nuance.

Susan Bennett racconta la sua avventura con Siri.




7 ottobre 2013 Silvia Ponzio

Codici Sconto

74 Coupon e Nuovi Sconti
Codice Sconto Mediaworld

Codice Sconto Mediaworld

Coupon MediaWorld Compleanno 10€

Codice Sconto Unieuro

Codice Sconto Unieuro

Voucher Unieuro -100€ su Motorola razr 50 Ultra

Codice Sconto ePRICE

Codice Sconto ePRICE

Sconti ePRICE fino al 25%

Coupon HP Store

Coupon HP Store

Codice Sconto HP Store Days fino al 15% EXTRA

Coupon Huawei

Coupon Huawei

Codice Sconto Huawei del 12% - Riservato

Coupon Comet

Coupon Comet

Coupon Comet di 100€ sul bundle Motorola

Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us