La Nasa ha presentato un aereo supersonico "silenzioso": ispirerà il Concorde del futuro?

Presentato dalla Nasa l'X-59, un aereo supersonico silenzioso (o quasi...): la sua capacità di evitare i "boati sonici" ispirerà l'erede del mitico Concorde?

Qualche giorno fa la NASA e Lockheed Martin hanno svelato l'X-59, un aereo supersonico che contribuirà, si spera, a trasformare i viaggi aerei commerciali del prossimo futuro. Questo aereo sperimentale è infatti al centro della missione Quesst della NASA, che ha come obiettivo quello affrontare le restrizioni sui voli supersonici sopra terra, per (ri)aprire nuove prospettive nel settore dell'aviazione.

Qual è il sogno? L'X-59 è progettato per volare a 1,4 volte la velocità del suono (pari a circa 1.500 km/h), generando un "boato sonico" relativamente silenzioso grazie al suo design innovativo. Il rumore, ecco il punto: la missione Quesst affronta infatti le restrizioni vigenti (negli Usa, e in molti altri Paesi del mondo) sui voli supersonici commerciali sopra terra, dovute al disturbo causato dai boati sonici. Ecco perché Bob Pearce, un dirigente della NASA, ha sottolineato in questa occasione l'entusiasmo di dimostrare la fattibilità dei viaggi supersonici silenziosi, aprendo nuovi orizzonti per le aziende statunitensi e i viaggiatori globali: il sogno è quello di tornare a viaggiare come ai tempi del Concorde, che tra gli anni Settanta e i primi Duemila collegava le due sponde dell'Atlantico in circa tre ore.

Il naso sottile e affusolato dell'X-59 rappresenta quasi un terzo della sua lunghezza e "romperà" le onde d'urto che normalmente provocherebbero un boato sonico in un aereo supersonico.

Perché questa forma. Per ottenere questa questa configurazione – che prevede una lunghezza di 30 metri e un'apertura alare di 9 – l'abitacolo è stato posizionato quasi a metà della lunghezza dell'aereo - e non è dotato di aperture (finestrini,  parabrezza ecc.) nella parte anteriore. Per questo motivo i piloti potranno utilizzare l'eXternal Vision System, un sistema di visione basato su telecamere ad alta risoluzione che mostrano le loro immagini in tempo reale su un monitor 4K dell'abitacolo: sarà (quasi) come pilotare in un simulatore, insomma.

Le esigenze del progetto hanno determinato anche la posizione del motore, montato nella parte superiore dell'aereo e "modellato", nella parte inferiore, per evitare che le onde d'urto si uniscano dietro l'aereo e provochino un boato sonico.

L'X-59, spiegano alla Nasa, pur essendo sperimentale, non è un prototipo; le sue tecnologie all'avanguardia guideranno le generazioni future di aeromobili supersonici: l'obiettivo è dimostrare che è possibile costruire aerei supersonici silenziosi, in grado di volare sopra terre abitate e di aprire nuovi mercati commerciali per le aziende.

E adesso? Completata la presentazione, il team Quesst si prepara ora a prove di sistemi, accensioni del motore e test di rullaggio.

Il primo test di volo inaugurale è invece previsto entro la fine del 2024, seguito dal primo volo supersonico silenzioso. Il Centro di Ricerca di Volo Armstrong della NASA a Edwards, California, sarà la base operativa per una serie di test successivi.

Se i test di volo avranno un esito favorevole, la NASA condurrà l'aereo sopra alcune città degli Stati Uniti per raccogliere dati sull'impatto acustico, dati che condividerà con gli enti che regolano il trasporto aereo.

15 gennaio 2024 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us