Motori

Vetture autonome: di chi è la colpa in caso di incidente?

Due recenti incidenti causati da vetture in modalità "pilota automatico" aprono il dibattito sulla sicurezza delle auto senza conducente: sono pronte per scendere in strada? Se sbagliano manovra, chi paga?

22 gennaio 2018, tangenziale di Culver City, California: una Tesla Model S in modalità "autopilot", cioè in guida autonoma, tampona a oltre 100 km/h un mezzo dei pompieri fermo per un'operazione di soccorso. Le immagini dell'incidente, twittate dagli stessi vigili del fuoco, sono impressionanti, ma per fortuna nessuno si è fatto male.

7 dicembre 2017, San Francisco: una Chevy Bolt in modalità di guida autonoma effettua un cambio di corsia e investe un motociclista.

In entrambi i casi la dinamica sembra chiara e "la colpa è della vettura", che ha eseguito una manovra non corretta.

Constatazione amichevole. Chi paga i danni? Il conducente che stava passivamente a bordo del mezzo oppure la casa automobilistica, o il fornitore della tecnologia di guida autonoma?

Il problema non è banale: questi due incidenti, avvenuti a poche settimane di distanza l'uno dall'altro, dimostrano che i sistemi di guida autonoma non sono infallibili, soprattutto se l'auto si trova a circolare insieme ad altre vetture guidate da esseri umani. Ne avevamo parlato qui spiegando il perché.

Ad oggi, nel mondo, esistono oltre 50 ferrovie senza macchinista: si tratta per lo più di metropolitane (come la M5 di Milano), metropolitane leggere, ferrovie sopraelevate o altri sistemi di trasporto su rotaia relativamente semplici. Vedi: il futuro dei trasporti è senza autista. © Priestmangood Desing

E la progressiva diffusione di sistemi di guida sempre più capaci di fare a meno dell'uomo non potrà che complicare le cose.

Mani sul volante... Va però sottolineato che l'autopilota di Tesla e il sistema di guida di Chevrolet non sono completamente indipendenti: hanno comunque bisogno di input da parte del conducente, e le case automobilistiche avvertono di non abbandonare mai del tutto i comandi.

Alain Kornhauser, direttore del Dipartimento di ricerca sui veicoli autonomi dell'Università di Princeton, spiega a Futurism che nei due incidenti citati c'è una forte responsabilità da parte dei conducenti.

Il problema è anche tecnologico: secondo Kornhauser, i sistemi di frenata automatica devono ancora essere perfezionati per diventare completamente automatici.

... e occhi aperti. Oggi, in molti casi, i sistemi di frenata entrano in funzione solo se il conducente tocca il pedale del freno, in accordo con i suggerimenti dell'Autorità per la sicurezza stradale degli Stati Uniti, che non sembra particolarmente favorevole a una totale deresponsabilizzazione del conducente.

Su un punto Kornhauser è però chiaro: i sistemi di guida autonomi non devono sbagliare mai. Insomma, c'è ancora tanto da lavorare sul fronte della ricerca. Dal 2014 a oggi le vetture senza conducente o semi-autonome sono state coinvolte in una trentina di incidenti: le promesse della tecnologia sono che, nel lungo periodo, una volta perfezionate, contribuiranno a salvare numerose vite.

3 febbraio 2018 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us