Motori

Un taxi elettrico va a fuoco in Cina. Perché?

Coinvolto in uno spaventoso incidente.

di
La notizia ha suscitato grandi polemiche sulla sicurezza delle auto elettriche. Ma la questione è stata montata ad arte perché la ragione dell'incendio era sotto gli occhi di tutti.

"La notizia è arrivata fino in USA perché il 10% di BYD è in mano a Warren Buffet"

Taxi, ultima corsa -

in molti si affrettavano a dire che le auto elettriche non sono sicure

La dinamica dell'incidente - Bastava informarsi bene sui fatti, però, per capire come stavano realmente le cose. Secondo la ricostruzione ufficiale, infatti, domenica scorsa l'auto elettrica viaggiava a circa 80 chilometri orari quando è stata tamponata da una Nissan GT-R che andava a 150-180 orari. Il guidatore della sportiva era persino in stato di ebbrezza, ma è sopravvissuto mentre il tassista e i due suoi clienti non ce l'hanno fatta. Paul Lin, portavoce di BYD, ha affermato che nessun'auto sarebbe bastata a proteggere dall'impatto i tre: forse ci sarebbe riuscito un camion o un carro armato.

Elettrica insicura? - Non è neanche detto che i tre siano morti per il fuoco, visto che non indossavano la cintura di sicurezza. Resta la polemica sulla sicurezza delle auto elettriche e, in particolare, delle batterie che sono sempre più potenti e sempre più cariche. Negli Stati Uniti, però, le autorità hanno condotto ben cinque crash test diversi sulla Chevrolet Volt, auto elettrica EREV ad autonomia estesa e con capienti batterie. In un solo caso il pacco batterie è andato a fuoco, ma tre settimane dopo il test. Per gli Stati Uniti, quindi, le auto elettriche sono ufficialmente altrettanto sicure delle auto a benzina. (sp)

30 maggio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us