Motori

Porsche e Volkswagen finalmente sposi

La fusione è stata rallentata da questioni fiscali

di
Alla fine Volkswagen è riuscita a comprare il 100% di Porsche senza farsi dissanguare dalle tasse. Le due case automobilistiche, dopo 74 anni, tornano definitivamente sulla stessa strada.

"Ferdinand Porsche disegnò il mitico Maggiolino nel '38"

Sì, lo voglio -

Questione di tasse - L'accordo Volkswagen-Porsche che avrebbe dovuto portare all'acquisizione totale della seconda da parte della prima risale al 2009, ma l'integrazione è stata rallentata da complesse questioni fiscali. Se Volkswagen avesse semplicemente comprato Porsche, infatti, sarebbe stata costretta a pagare 1,5 miliardi di tasse allo Stato. La soluzione è stata trovata con la concessione a Porsche di una compartecipazione alle azioni VW, per un valore pari a quello di Porsche stessa, in cambio del famoso 50,1% del marchio sportivo. Tecnicamente risulta una ristrutturazione aziendale in cui entrambi gli attori si scambiano reciprocamente le azioni e, di conseguenza, è tutto esentasse!

Un corteggiamento lungo 74 anni - A dirla tutta, però, le due case sono legate tra loro da una storia lunga tre quarti di secolo. La Volkswagen, infatti, nasce come progetto politico-industriale di Adolf Hitler nel 1937. Il dittatore voleva costruire la macchina del popolo, ovviamente tedesca al cento per cento. Se la fece disegnare dall'ingegner Ferdinand Porsche che, in meno di un anno, realizzò il Maggiolino. L'auto ebbe un successo enorme, che superò persino la sconfitta in guerra della Germania nazista e diede inizio alla storia del marchio. Ora, dopo 74 anni, padre e figlio tornano sotto lo stesso tetto. (sp)

Le foto rubate della Porsche Cayman 2013

3 agosto 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us