Motori

A che serve la MotoGp?

Sempre più spesso le moto che vediamo girare sulle nostre strade sfruttano tecnologie sviluppate per i modelli che partecipano alla MotoGp. A tutto vantaggio della sicurezza e dalla facilità di guida.

Che mondo sarebbe senza MotoGp? Ci riferiamo in particolare al mondo delle moto di tutti i giorni, dove ricadono tante delle innovazioni tecnologiche che vengono inizialmente pensate per le moto da corsa.

A differenza della Superbike – il campionato a cui partecipano le motociclette “derivate di serie”, ossia versioni sportive dei normali modelli da concessionario – la MotoGP è una categoria riservata ai prototipi, quindi è, per definizione, un laboratorio sperimentale di soluzioni tecniche e meccaniche d’avanguardia.

Superbike contro motogp. Ciò non significa che non si sperimentino nuove tecnologie anche in Superbike, ma qui il regolamento stabilisce cosa, rispetto al modello di serie, si possa modificare (per esempio, le componenti meccaniche) entro quali limiti (per esempio la cilindrata deve essere compresa tra gli 850 e 1.200 cc per i motori due cilindri, tra 750 e 1.000 per i quattro) e cosa invece deve restare inalterato (la sagoma della moto di Superbike, per dire, deve risultare uguale a quello della “sorella” da strada da cui deriva, da qualsiasi angolazione la si osservi).

Yamaha, superbike
Una Yamaha che partecipa al mondiale Superbike. Abbastanza diversa da quella usata da Valentino Rossi in motoGp, deriva strettamente da un modello commerciale. © Yamaha Racing

Tutt'altra musica invece nella MotoGP, dove i progettisti godono di una libertà pressoché assoluta. La differenza principale tra le due classi sta nella sperimentazione aerodinamica, che si manifesta in modo evidente nelle varie appendici (ali, alette ecc.) spuntate sulle belve da competizione negli ultimi anni.

Dalla motogp alla moto normale. Ma è sotto la carena di questi bolidi che si cela la “miniera” di tecnologia che, sempre più spesso, viene poi travasata sulle due ruote da strada, in particolare sulle supersportive di fascia alta. Qualche esempio? Tra le diavolerie più utili c'è probabilmente il controllo di trazione (Tcs), un dispositivo che, grazie a sensori montati su ruote e motore, è in grado di percepire situazioni di scarsa aderenza (registrando la differenza di velocità di rotazione tra le due ruote, rilevando un'accelerata troppo brusca o una piega esagerata).In queste circostanze la centralina elettronica riduce automaticamente la potenza, evitando così lo slittamento delle ruote e il rischio di una rovinosa caduta.

Altro elemento figlio delle moto da competizione è il cambio elettronico, sperimentato in pista fin dagli anni Novanta nella sua prima versione quickshift (per aumentare la marcia) e che da ormai un decennio spopola anche sulle moto stradali (affiancato, nel frattempo, anche dalla funzione downshift, per scalare): in entrambi i casi l'intervento della centralina elettronica rende più rapida e precisa la “cambiata” di marcia.

Contro le impennate. Ma l'eredità che deriva dalle tecnologie progettate per le moto dei campioni non si esaurisce qui.

L'elettronica è fondamentale anche per il funzionamento degli ammortizzatori del veicolo (ruote e sterzo), per il ride by wire (un acceleratore computerizzato che fa dialogare manopola del gas e valvola a farfalla dell'acceleratore, garantendo l’erogazione più adeguata alla fase di guida) e per il sistema anti-wheeling, che interviene quando si accorge che la ruota anteriore risulta troppo sollevata: in questo caso riduce automaticamente la coppia motrice sulla ruota posteriore e, di conseguenza, il pericolo di un'impennata incontrollata.

Infine, ci sono i capitoli legati ai materiali e alla sicurezza: la MotoGp ha contribuito a sviluppare materiali (per telaio e carena) sempre più leggeri e resistenti, come carbonio, alluminio e leghe composite, ha ispirato nuovi caschi ad alto coefficiente di assorbimento (in fibra di vetro, carbonio e kevlar) e ha favorito l'introduzione di paraschiena, tute rinforzate e piccoli airbag. Tutte soluzioni perfezionate per Valentino Rossi & C dai grandi produttori (spesso italiani) e già finite, o prossime a farlo, nella dotazione di ogni centauro della domenica.

6 aprile 2018 Simone Valtieri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us