Motori

Le macchine volanti non funzionano granché

Negli Stati Uniti un concorso per vere macchine volanti, elettriche, con premi milionari, sponsorizzato da Boeing, si è chiuso senza grandi vincitori.

Alla GoFly, una delle ultime macchine volanti elettriche monoposto in concorso ad alzarsi in volo (per modo di dire) è la VertiCycle, costruita in casa da Pete Bitar. All'apparenza è un marchingegno semplice: due eliche sulle quali è posta la sedia del pilota. La macchina volante si alza per circa tre metri (un record!), poi oscilla paurosamente, si ribalta lateralmente e piomba sulla pista. Nessun ferito, anche perché Bitar era al radiocomando: non era a bordo perché un incidente capitato pochi giorni prima aveva distrutto le batterie che davano maggiore potenza alla macchina, che in quella versione light non ce l'avrebbe fatta a sollevarlo da terra.

Un'aeromobile elettrica, la VertiCycle, e il suo inventore, Pete Bitar.
Bisogna fare un piccolo sforzo di immaginazione per riconoscere in quell'oggetto un'aeromobile elettrica, la VertiCycle. A lato, il suo orgoglioso (si vede) inventore e costruttore, Pete Bitar. © GoFly, Mark Harris

Bitar, comunque, non se l'è presa più di tanto, perché nessuna delle 24 squadre riunite per le finali di GoFly - un concorso con un montepremi complessivo di due milioni di dollari (con un milione per il vincitore) per il miglior sistema di trasporto elettrico personale, con partenza e atterraggio in verticale e in grado di compiere una decina di chilometri in 20 minuti - nessuna, dicevamo, è riuscita nell'intento.

Nessun vincitore. Il concorso si è svolto al campo di volo dell'Ames Research Center della NASA, in California. Alcuni gruppi hanno portato modelli in scala 1:50, mentre altri, che avevano il modello finito, hanno tutti riportato dei "problemi dell'ultimo minuto" che hanno compromesso la prova. Nulla di fatto anche per i favoriti, la squadra di DragonAir, un grosso drone teoricamente in grado di trasportare una persona in piedi: il giorno prima dell'esibizione il pilota, la temeraria Mariah Cain, aveva denunciato un piccolo incidente e si era sfilata dalla competizione.

Un'aeromobile elettrica a forma di cabina telefonica
La cabina telefonica di Teledrone appare un po' troppo rossa (e onestamente un po' troppo piccola, anche dentro) per imitare degnamente il Tardis del Dottor Who. © GoFly, Teledrone

Alla fine solo 4 veicoli sono riusciti a prendere il volo, ma nessuno nei termini richiesti dal concorso. Gwen Lighter, presidente del GoFly, ha mostrato grande comprensione: «Se fosse facile far volare una "macchina" non ci sarebbe bisogno di un premio da un milione di dollari. Quando la tecnologia permetterà di avere tali veicoli a basso prezzo si aprirà realmente una nuova frontiera nei trasporti», ha commentato.

Il premio grosso è ancora lì. La competizione aveva richiamato 854 squadre provenienti da 103 Paesi, ma solo due dozzine hanno superato i test di accesso alla finale, con progetti anche molto differenti: dal classico disco volante al Teledrone, una macchina volante a forma di cabina telefonica - «l'idea, affermano i suoi progettisti, è di permettere a chiunque di entrare in una di queste cabine e anziché fare un numero di telefono, comporre un codice che permette di essere trasportato in un punto qualunque della città», (come non pensare a una delle astronavi più veloci dell'Universo, il Tardis del Dottor Who!).

Alla fine qualche premio minore è stato comunque distribuito: teTra, per esempio, una squadra giapponese che ha partecipato con una specie di motocicletta volante che al secondo tentativo si è alzata di circa un metro (video qui sopra), si è aggiudicata 100.000 dollari. Invece il premio grosso, quello da un milione di dollari, è ancora tutto lì, pronto per chiunque si presenti con una vera macchina elettrica volante.

14 marzo 2020 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us