Motori

L’app di Intel ti dice se ti danneggiano la macchina

Parla con la tua automobile.

Intel sta testando una nuova tecnologia che ti avvisa se qualcuno tampona oppure riga la tua macchina in posteggio, con tanto di video.

“Un nuovo applicativo, che mette in comunicazione il veicolo e il proprietario, attraverso lo smartphone”

Avvisi dall’auto - Il telefono del signor Victor Lorenz vibra e suona, ma non è per l’arrivo di una chiamata, un SMS o una mail: è la sua macchina che cerca di parlargli. Infatti Victor Lorenz è un ricercatore dei laboratori di Intel a Santa Clara in California e sta sviluppando un nuovo sistema che permette al veicolo di comunicare, attraverso un’apposita app con lo smartphone.

Connessione cloud - L’idea è di collegare l’elettronica del veicolo, che sarà sempre maggiore, alla rete internet, per informare il proprietario, anche attraverso la registrazione o lo streaming video. In pratica si tratta di un’applicazione mobile e un circuito con processore Atom, da montare a bordo del veicolo. Il sistema collega l’automobile a un server cloud del network mobile e procede, in caso di bisogno, ad informare il legittimo proprietario attraverso lo smartphone, ovunque esso si trovi.

Kit, vieni qua - Nei laboratori di ricerca di Intel stanno sviluppando le app per i sistemi operativi Android e i dispositivi di Apple. Nelle previsioni dei ricercatori, queste applicazioni per auto potranno essere usate anche per impartire dei comandi, sempre via mobile, ai veicoli: aprire una portiera o il portabagagli, accendere e riscaldare il motore in inverno, inviare lo streaming video di ciò che viene ripreso dalle videocamere di cui è dotata l’automobile e via dicendo... (pp)

Niccolò Fantini

27 luglio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us