Motori

​L'aereo che combatte il jet lag

Con un sistema di illuminazione a LED che segue la luce del sole e altri aspetti innovativi, l'350 XWB promette di contrastare il malessere dei voli intercontinentali. E di ridurre del 25% le emissioni di CO2 

Chi deve affrontare un volo intercontinentale ha spesso un incubo: il jet lag. Ma potrebbe esserci un nuovo modo per combattere la sensazione di intontimento e il malessere che colpisce chi viaggia a lungo su un aereo. Si tratta dell'ultimo velivolo prodotto da Airbus e sviluppato per Qatar Airways, l'A350 XWB. È un mezzo progettato proprio per mitigare gli effetti del jet lag. Dopo 2600 ore di test flight e un investimento di 15 miliardi, l'350 XWB ha iniziato a solcare i cieli.

Attenzioni all'avanguardia. Per contrastare "il male del viaggiatore", le due compagnie aeree hanno lavorato su tre elementi. C'è un sistema di illuminazione a LED in grado di cambiare colore delle lampadine assecondando la naturale variazione della luce solare durante lo spostamento intercontinentale (oltre a sintonizzarsi con i ritmi circadiani dei passeggeri).

L'impianto di aerazione mantiene una pressurizzazione costante all'interno della fusoliera (equivalente a quella di un'altitudine di 1.828,8 metri) e un ricambio dell'aria ogni 2-3 minuti. Inoltre i sedili più spaziosi e distanziati l'uno dall'altro migliorano il comfort del passeggero.

Un volo più sostenibile. Oltre a proporre quella che dovrebbe essere un'esperienza di viaggio migliore, l'A350 XWB promette di essere più efficiente a livello energetico. Più della metà è costituita da plastica rinforzata con fibra di carbonio, il che significa un peso inferiore alla media e un minor fabbisogno di carburante per percorrere le stesse distanze dei velivoli di pari stazza, producendo circa il 25% di emissioni in meno. Le compagnie aeree sembrano orientate a investire sulle caratteistiche del nuovo Airbus: a oggi, sono 775 i modelli ordinati da 41 compagnie diverse.

25 dicembre 2015 Silvia Malnati
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us