Motori

Come funzionano i sistemi di frenata assisitita

Come funziona l'AEB, l'assistente virtuale che, in auto, ci aiuta a frenare per tempo e in modo efficace.

A volte una frenata efficace consente di evitare un incidente o, per lo meno, di ridurre le conseguenze dell’impatto. Eppure, per le ragioni più diverse (scarsa visibilità, stanchezza o anche soltanto per una semplice distrazione), spesso usiamo i freni in modo poco tempestivo e non con la forza sufficiente.

Per aumentare il livello di sicurezza anche quando ci troviamo in questo tipo di situazioni, le case automobilistiche hanno sviluppato una serie di tecnologie, il cui nome varia a seconda dei marchi, ma che le autorità di controllo sulla sicurezza automobilistica etichettano sotto un’unica sigla: AEB, che sta per autonomous emergency braking. Significa che, a bordo, abbiamo un... assistente per la frenata di emergenza. Qual è il suo segreto?

Prima ti avvisa, poi fa da sè
Tutti (o quasi) si basano su una tecnologia a sensori ottici (LIDAR) che scansionano lo spazio davanti all’automobile: quando il sistema “capta” la presenza di un’ostacolo, valuta - in base alla velocità e alla traiettoria dell’auto - se questo rappresenta un pericolo e, nel caso, mette in pratica una serie di contromisure.

Innanzitutto avverte il conducente con un allarme acustico o con un messaggio nel pannello strumenti. Se la reazione non è immediata o se il rischio di collisione è ormai imminente, l’AEB agisce direttamente sui freni: in qualche caso, fino a ridurre la velocità a un limite prestabilito, in qualche altro fermando il veicolo.

In molti modelli il sistema entra in funzione non solo in caso di "distrazione", ma anche quando il guidatore schiaccia regolarmente il pedale del freno, per rendere massimo l’effetto della frenata.

A proposito di LIDAR, potrebbe interessarti come funziona nelle macchine che si guidano da sole?

20 giugno 2014 Roberto Graziosi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us