Motori

Il primo simulatore di guida sferico a 180 gradi

Guida a 180 gradi grazie a Ariel Motor Company.

di
Motion Simulation TL1 è il primo simulatore di guida sferico che può contare su un enorme schermo a 180 gradi di copertura visiva. Una via di mezzo tra uno strumento per aspiranti piloti e tester, e un gadget di lusso per videogiocatori.

"Il simulatore TL1 riproduce fedelmente l'Ariel Atom da 500 CV"

Simulazione estrema -

Ariel Atom

proiettore di visualizzare un'immagine ampia 180

Tra gioco e realtà - Il Motion Simulation TL1, a dire il vero, è una sorta di ibrido. Nasce per essere accoppiato a un potente PC per offrire la massima esperienza di gioco ai patiti delle simulazioni stradali, ma è adatto anche a fare scuola agli aspiranti piloti e ai tester delle scuderie sportive. L'esperienza di guida, infatti, è quanto mai reale così come la grafica prodotta dal computer. A dire il vero Motion Simulation lo propone anche come simulatore aeronautico e persino per gli sparatutto in prima persona. E quest'ultima opzione lascia intendere che potrebbe essere anche utilizzato per il training dei militari. Anche il prezzo non è esattamente ludico: 11.500 sterline, computer escluso.

La Ariel Atom - Motion Simulation, per arrivare a una tale perfezione, ha lavorato a stretto contatto con Ariel Motor Company, diventata famosa dopo che la sua Atom da 500 CV è stata spremuta da Jeremy Clarkson nel programma televisivo inglese Top Gear. La Atom, in quell'occasione, fece addirittura meglio della Porsche Carrera GT. Il segreto di questa auto stranissima? Il peso: appena 550 chilogrammi. Il che si traduce in poco più di un chilo per cavallo e in uno scatto da zero a cento in 2.3 secondi. (sp)

7 maggio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us