Motori

Il primo incidente del bus autonomo

Il primo autobus di linea senza autista ha avuto un incidente due ore dopo l’inaugurazione del servizio. Indovinate di chi è stata la colpa...

La notizia sta facendo rapidamente il giro del mondo e da diverse ore è tra le viral news più condivise sui social: il primo servizio di autobus di linea senza conducente, inaugurato ieri a Las Vegas, ha concluso la giornata con un incidente dopo appena due ore dalla partenza.

Niente di grave, nessuno si è fatto male: i passeggeri se la sono cavata con un grande spavento, ma l'incidente ha riaperto il dibattito sull’effettiva sicurezza dei veicoli driverless, senza conducente, e sulla maturità di questa tecnologia.

Di chi è stata la colpa? È dell’autista digitale?


Che cosa è successo. L’incidente ha coinvolto un mini bus senza autista che doveva svolgere un servizio di navetta nel centro di Las Vegas, su di un percorso di circa 800 metri.

Il veicolo elettrico da 8 posti è stato progettato e costruito dalla francese Keolis ed era stato testato con successo per due settimane lo scorso gennaio sulla stessa tratta.

Secondo le ricostruzioni della polizia di Las Vegas, pubblicate dai media locali, durante uno dei primi giri il piccolo autobus si è trovato di fronte un camion che stava facendo manovra in retromarcia per entrare in una rimessa.

Il pullmino ha registrato la presenza del mezzo pesante grazie ai suoi sensori e, correttamente, si è fermato. Ma l’autista del camion ha continuato la manovra e con la motrice ha urtato la parte frontale del veicolo.


Proprio così: il primo incidente ufficiale di un mezzo senza conducente è stato causato dall’imperizia dell’uomo, come ha confermato Mike Blasky, portavoce di Keolis, su Twitter.

Certo, l’incidente si sarebbe potuto evitare se il veicolo autonomo avesse agevolato la manovra del camion facendo qualche metro di retromarcia, come avrebbe probabilmente scelto di fare un autista in carne e ossa, ma anche come avrebbe scelto di fare un camion equipaggiato con la stessa tecnologia e la stessa rete di sensori del mini bus.


Sicuri che sia sicuro? Sì, le auto senza conducente sono in media più sicure delle auto tradizionali. Le Google Car negli ultimi anni hanno percorso oltre 2 milioni di km sulle strade degli Stati Uniti: sono state coinvolte solo in 13 incidenti, tutti di modesta entità, e in un solo caso la colpa è stata del veicolo autonomo.

Più prudenti di noi. I veicoli autonomi hanno tempi di reazione più brevi dei nostri, rispettano il codice della strada e non si arrabbiano con gli altri automobilisti o i pedoni, non si ubriacano, non assumono stupefacenti.

Il loro vero problema è quello di doversi muovere, almeno per ora, in un ambiente ibrido, in cui la maggior parte dei mezzi è condotta da esseri umani che invece spesso hanno comportamenti imprevedibili e non sempre razionali e che possono quindi mettere in crisi il loro cervello elettronico.

10 novembre 2017 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us