Motori

Chevrolet svela la Corvette Stingray C7 a Detroit

Presentata in questi giorni a Detroit

di
Passione senza fine. Con sessanta anni di storia sulle… ruote, la Chevy Corvette non vuole mai finire di stupire e nel corso dell’Auto Show in corso a Detroit si presenta in una veste tutta nuova. E con una potenza mai vista. Guarda il video!

"La Corvette ha prestazioni da F1 con 450 cavalli e 610 Nm di coppia"

Tutta nuova

La Corvette Stingray C7 (ovvero il settimo redisign dall’originale degli anni ’60) è stata completamente riprogettata, anche rispetto alla versione precedente

Potenza pura - La Corvette 2014, chiamata Stingray in onore dell’originale del 1963, è un vero e proprio concentrato di potenza. Tanto per mantenere fede al nome scelto. Il motore, un 6.2 litri 8 cilindri a V, sprigiona una potenza di 450 cavalli e una coppia di 610 Nm. E, tanto per rimanere in tema numeri, ci mette poco meno di 4 secondi per arrivare ai 100 chilometri orari partendo da ferma. Prestazioni da Formula 1, insomma.

Cura dimagrante - Gli ingegneri di Chevy hanno lavorato parecchio anche sul peso dell’automobile. Riducendolo praticamente all’osso. Per il tetto e il cofano è stata utilizzata la fibra di carbonio, l’acciaio è stato sostituito dall’alluminio per realizzare la struttura portante, mentre il telaio è realizzato in magnesio. Questo, assieme al cambio intelligente e al sistema di gestione del motore Active Fuel Management, rendono la Stingray C7 la meno esosa di sempre sotto il punto di vista dei consumi. La casa di Detroit dichiara che con un gallone (circa 3.8 litri) si possono percorrere fino a 26 miglia (circa 42 km). Niente male davvero. (sp)

Ecco la Chevrolet Corvette Stingray

15 gennaio 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us