Motori

Barack Obama e la sua limousine "bestiale"

È la limousine presidenziale

di
Pochi lo sapranno, ma la limousine che accompagna Barack Obama in tutti i suoi spostamenti è chiamata The Beast. E non è difficile capire il perché. Corazzata all’inverosimile, iper-tecnologica, full-optional e con strumenti in grado di superare ogni situazione. Guarda il video!

"Un concentrato di tecnologia e sicurezza su
quattro ruote"

Sorella a 4 ruote

Air Force One

The beast - L’auto, che somiglia in tutto e per tutto a una Cadillac ma che invece è realizzata da General Motors, è stata ribattezzata dagli addetti ai lavori “The Beast” (la bestia, per l’appunto). E non a torto. Sotto il profilo della sicurezza, poche altre auto al mondo possono vantare una corazzatura come la bestia. Struttura realizzata in titanio, ceramica, alluminio e acciaio, lo spessore degli sportelli e delle fiancate raggiunge i 24 centimetri e nel portabagagli, al fianco del ruotino di scorta, c’è una bombola d’ossigeno che garantirà la sopravvivenza del Presidente in caso di attacco biochimico.

Full-optional - Ma la bestia non finisce di stupire, perché è anche un concentrato di tecnologia. La limo presidenziale, secondo il sito specializzato TheCarConnection.com, è dotata di telecamere a visione notturna, cannoncini spara-gas lacrimogeno e spara-granate di fumo, così che possa togliersi d’impiccio anche nelle situazioni più… affollate. Le gomme dovrebbero essere di acciaio e sono in grado di far spostare la macchina anche se bucate. L’auto, seppur insonorizzata, è dotata di microfoni esterni, cosicché all’interno possano ugualmente sentire cosa accade fuori alla bisogna. Insomma, un’auto a dir poco full optional. (sp)

Barack Obama e la sua Limousine hi-tech

24 gennaio 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us