10 aerei che hanno fatto la storia dell'aviazione

Il primo a infrangere il muro del suono e quello che si ispirava alle piume della colomba, l'invisibile ai radar e quello con le ali pieghevoli: ecco 10 tra gli aerei che hanno fatto la storia dell'aviazione.

Bell X-1 È l’aereo che nel 1947 infranse, primo nella storia, il muro del suono (nella foto, Chuck Yeager, il collaudatore che lo pilotò in quella occasione, posa accanto a un modello in scala). In pratica si trattava di un proiettile dotato di ali, che viaggiava nella stiva di un bombardiere e, da lì, lanciato per sfruttare al massimo il tempo di volo utile (brevissimo, appena 150 secondi). Durante i test superò la velocità di 1.500 km/h.

Bell X-1 È l’aereo che nel 1947 infranse, primo nella storia, il muro del suono. In pratica si trattava di un proiettile dotato di ali, che viaggiava nella stiva di un bombardiere e, da lì, lanciato per sfruttare al massimo il tempo di volo utile (brevissimo, appena 150 secondi). Durante i test superò la velocità di 1.500 km/h.

Boeing B17 Il suo vero nome era B17, ma tutti lo conoscevano come “Fortezza volante”. Questo bombardiere pesante, quadrimotore, fu impiegato per la prima volta nel Secondo conflitto mondiale dalle forze alleate e si guadagnò ben presto la fama di macchina volante straordinaria. Era armato con ben 13 mitragliatrici e poteva portare fino a 2.700 kg di bombe; toccava quote di volo di oltre 9 mila metri e questo, in assenza di un sistema di pressurizzazione. finiva a volte per creare problemi di “male d’alta quota” (e anche di congelamento) nei membri dell’equipaggio.

Boeing B17 Il suo vero nome era B17, ma tutti lo conoscevano come “Fortezza volante”. Questo bombardiere pesante, quadrimotore, fu impiegato per la prima volta nel Secondo conflitto mondiale dalle forze alleate e si guadagnò ben presto la fama di macchina volante straordinaria. Era armato con ben 13 mitragliatrici e poteva portare fino a 2.700 kg di bombe; toccava quote di volo di oltre 9 mila metri e questo, in assenza di un sistema di pressurizzazione. finiva a volte per creare problemi di “male d’alta quota” (e anche di congelamento) nei membri dell’equipaggio.

Tupolev Tu-144 Non tutti sanno che anche l’Unione Sovietica, tra gli anni Settanta e gli Ottanta, ebbe il suo aereo supersonico per il trasporto di passeggeri. Si chiamava Tupolev Tu144 e nella forma assomigliava molto al Concorde (anche se da un punto di vista progettuale le differenze erano notevoli). Superò per la prima volta il muro del suono in un volo sperimentale nel giugno 1969, due mesi prima del rivale anglo francese, e fu il primo mezzo commerciale a superare Mach 2 (ovvero, due volte la velocità del suono). Detiene ancora adesso il record di velocità per un aereo non commerciale (Mach 2,5). Volò tra il 1975 e il 1998.

Lockheed F-117 Si tratta dell’“aereo invisibile” diventato celebre nella guerra del Golfo del 1991. Il suo segreto è la particolare forma delle superfici aerodinamiche, sfaccettate per sfuggire ai segnali radar nemici, e al materiale “radar assorbente” con cui è rivestita la sua “cellula”. Viene usato per le missioni (notturne) di attacco di precisione: il pilota lo controlla attraverso gli schermi del suo pannello strumenti e non guarda praticamente mai dai finestrini, la cui visuale, in un aereo dalla forma simile, risulta molto ridotta.

Lockheed F-117 Si tratta dell’“aereo invisibile” diventato celebre nella guerra del Golfo del 1991. Il suo segreto è la particolare forma delle superfici aerodinamiche, sfaccettate per sfuggire ai segnali radar nemici, e al materiale “radar assorbente” con cui è rivestita la sua “cellula”. Viene usato per le missioni (notturne) di attacco di precisione: il pilota lo controlla attraverso gli schermi del suo pannello strumenti e non guarda praticamente mai dai finestrini, la cui visuale, in un aereo dalla forma simile, risulta molto ridotta.

McDonnell Douglas DC-10 Fu il primo aereo di linea sviluppato dall’azienda statunitense McDonnell Douglas (poi confluita nella Boeing), entrò in servizio nel 1971 e fu impiegato in rotte di lungo raggio. Aveva fusoliera “wide” (larga), ali bassa e un sistema propulsivo a tre motori turboventola di cui uno, caratteristico, montato nel piano verticale di coda. Del DC-10 furono consegnati 386 esemplari, tra cui l’ultimo acquistato dalle linee aeree nigeriane nel 1989.

McDonnell Douglas DC-10 Fu il primo aereo di linea sviluppato dall’azienda statunitense McDonnell Douglas (poi confluita nella Boeing), entrò in servizio nel 1971 e fu impiegato in rotte di lungo raggio. Aveva fusoliera “wide” (larga), ali bassa e un sistema propulsivo a tre motori turboventola di cui uno, caratteristico, montato nel piano verticale di coda. Del DC-10 furono consegnati 386 esemplari, tra cui l’ultimo acquistato dalle linee aeree nigeriane nel 1989.

Vought F4U Corsair Il caccia impiegato dall’aviazione Usa nella Seconda Guerra mondiale, caratterizzato dall’ala a “gabbiano rovesciato”, ripiegabile, che ne limitava l’ingombro quando veniva trasportato a bordo di portaerei. A causa della superiorità in battaglia e del caratteristico rumore del motore, i giapponesi lo soprannominarono “Morte sibilante”.

Vought F4U Corsair Il caccia impiegato dall’aviazione Usa nella Seconda Guerra mondiale, caratterizzato dall’ala a “gabbiano rovesciato”, ripiegabile, che ne limitava l’ingombro quando veniva trasportato a bordo di portaerei. A causa della superiorità in battaglia e del caratteristico rumore del motore, i giapponesi lo soprannominarono “Morte sibilante”.

Vought F4U Corsair Il caccia impiegato dall’aviazione Usa nella Seconda Guerra mondiale, caratterizzato dall’ala a “gabbiano rovesciato”, ripiegabile, che ne limitava l’ingombro quando veniva trasportato a bordo di portaerei. A causa della superiorità in battaglia e del caratteristico rumore del motore, i giapponesi lo soprannominarono “Morte sibilante”.

Boeing 247 Con lui, e col suo primo volo nel febbraio del 1933, ebbe inizio l’era degli aerei di linea moderni. Più veloce di tutti i suoi concorrenti (la sua velocità massima di 304 km/h, contro i circa 200 degli altri) questo bimotore poteva trasportare 10 passeggeri più 2 membri dell’equipaggio. Era dotato di uno dei primi dispositivi, basato su sistema pneumatico, per contrastare la formazione del ghiaccio sulle ali.

Boeing 247 Con lui, e col suo primo volo nel febbraio del 1933, ebbe inizio l’era degli aerei di linea moderni. Più veloce di tutti i suoi concorrenti (la sua velocità massima di 304 km/h, contro i circa 200 degli altri) questo bimotore poteva trasportare 10 passeggeri più 2 membri dell’equipaggio. Era dotato di uno dei primi dispositivi, basato su sistema pneumatico, per contrastare la formazione del ghiaccio sulle ali.

Heinkel He-178 Il primo aereo a reazione della storia: volò per la prima volta nell’agosto del 1939 con più di 2 anni di anticipo sui suoi concorrenti, toccando i 650 km. Il suo “segno di riconoscimento” era la presa d’aria del motore integrata nel muso. Non entrò mai in servizio.

BAe Harrier È il caccia della Royal Air Force britannica reso famoso dal motore “a spinta vettoriabile”: significa che la spinta - ottenuta da 4 ugelli orientabili più quello fisso in coda - può essere orientata a seconda delle necessità. All’inizio questa capacità fu impiegata principalmente per atterrare in verticale su portaerei che, fino ad allora, erano state usate solo da elicotteri. Successivamente i piloti iniziarono a sperimentarne l’uso anche in volo per eseguire manovreche ai caccia “tradizionali” risultavano impossibili.

BAe Harrier È il caccia della Royal Air Force britannica reso famoso dal motore “a spinta vettoriabile”: significa che la spinta - ottenuta da 4 ugelli orientabili più quello fisso in coda - può essere orientata a seconda delle necessità. All’inizio questa capacità fu impiegata principalmente per atterrare in verticale su portaerei che, fino ad allora, erano state usate solo da elicotteri. Successivamente i piloti iniziarono a sperimentarne l’uso anche in volo per eseguire manovreche ai caccia “tradizionali” risultavano impossibili.

Rumpler Taube Un aereo da ricognizione austriaco dall’aspetto inconfondibile, che nelle estremità alari ricordava il piumaggio di un uccello, impiegato sul fronte occidentale durante la Prima guerra mondiale. Derivava da un aliante, a cui fu agginto un motore Mercedes 6 cilindri da 100 cavalli. Volava a meno di 100 km/h e rsiutava molto vulnerabile.

Rumpler Taube Un aereo da ricognizione austriaco dall’aspetto inconfondibile, che nelle estremità alari ricordava il piumaggio di un uccello, impiegato sul fronte occidentale durante la Prima guerra mondiale. Derivava da un aliante, a cui fu agginto un motore Mercedes 6 cilindri da 100 cavalli. Volava a meno di 100 km/h e rsiutava molto vulnerabile.

Bell X-1 È l’aereo che nel 1947 infranse, primo nella storia, il muro del suono (nella foto, Chuck Yeager, il collaudatore che lo pilotò in quella occasione, posa accanto a un modello in scala). In pratica si trattava di un proiettile dotato di ali, che viaggiava nella stiva di un bombardiere e, da lì, lanciato per sfruttare al massimo il tempo di volo utile (brevissimo, appena 150 secondi). Durante i test superò la velocità di 1.500 km/h.