Come riparare le buche stradali in 5 minuti
Una rivoluzionaria tecnologia promette di riparare le buche stradali in 5 minuti e con risultati duraturi.
Quanto è facile imbrogliare l’A.I.?
Sciatori per cani, fucili per tartarughe e scarabocchi per stelle marine: ecco come imbrogliare i software di riconoscimento delle immagini.
Scoperte casuali: il vetro che si ripara da solo
Arriva dal Giappone il vetro per lo smartphone che si ripara da solo. I frammenti, tenuti assieme per 30 secondi, si ricombinano da soli (forse).
Un albero di Natale in cielo
Un Airbus A 380 ha disegnato con la sua traiettoria un albero di Natale sui cieli della Germania.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

New York-Shanghai con un razzo: quanto ci vorrà?
Elon Musk progetta di usare il suo nuovo sistema di lancio per voli intercontinentali della durata di mezz'ora. Quali ostacoli ci separano dall'ambizioso scenario?
Robot da mangiare
La macchina in gelatina e altri materiali commestibili potrà un giorno operare all'interno del nostro corpo, o consegnare cibo a domicilio per poi essere ingerita a sua volta.
I mezzi pubblici del futuro
Un inventore russo immagina la città del futuro: risolve in maniera decisamente creativa il problema del traffico e la sua idea, in pochi giorni, diventa virale.
Il dio artificiale
Un movimento religioso è devoto a una divinità-macchina più intelligente dell'uomo, compreso quello che l'ha creata, un ingegnere della Silicon Valley.
Il robot-origami che cambia corpo
Una funzione per ogni "vestito": il piccolo trasformista muta esoscheletro per camminare, planare, rotolare o navigare, piegandosi come un foglio di carta.
Dubai hi-tech: il taxi drone volante
Volocopter, il taxi volante autonomo, ha spiccato il volo a Dubai: il test di un servizio che sarà operativo entro 5 anni.
ShakeAlert, il sistema di allerta sismico
Un sistema di allarme che può avvisare da pochi secondi a qualche minuto prima dell'arrivo delle onde S, le più distruttive in caso di terremoto.
Che effetto fa l’auto senza conducente?
Un team di ricercatori della Virginia Tech realizza una geniale candid camera con finalità scientifiche per scoprire se siamo davvero pronti per le vetture autonome.