Nasce a Milano il supercomputer da record
Il Politecnico di Milano ha realizzato una nanotecnlogia che permette di realizzarei computer più veloci di quelli quantistici. Tra le possibili applicazioni: l'auto a guida autonoma.
 
Robot: l'importanza (per loro) di essere empatici
La progressiva diffusione dei robot sta facendo nascere nuove modalità di interazione tra uomini e macchine. Così si scopre che anche per un robot, essere simpatico è una dote fondamentale.
Autoricarica per pacemaker
Il nuovo dispositivo si ricarica utilizzando il battito dello stesso cuore che sostiene: il sistema funziona, ma è complesso da impiantare e non è perciò adatto a tutti.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Antigravità: sempre più vicini alla levitazione
Tolta la levitazione cinematografica, quella di photoshop e la misteriosa levitazione che pare conoscano solo i santoni indiani, adesso ne abbiamo una hi-tech, fatta di onde sonore.
L'apocalisse robotica è una grossa bufala
Ecco che cosa combinano i robot con AI: è il modo migliore per lasciarsi alle spalle gli incubi digitali di Tron, Matrix e Terminator.
La rete neurale che ci legge nel pensiero
L'hanno creata - e istruita - alcuni ricercatori giapponesi: riesce a riprodurre l'immagine che state vedendo, o alla quale state pensando, senza bisogno di macro-categorie di riferimento.
Crash test: uomini, cadaveri e manichini
Uomini e cadaveri per i crash test: quando è nato Dummy, il manichino più sfortunato del mondo?
Come riparare le buche stradali in 5 minuti
Una rivoluzionaria tecnologia promette di riparare le buche stradali in 5 minuti e con risultati duraturi.
Quanto è facile imbrogliare l’A.I.?
Sciatori per cani, fucili per tartarughe e scarabocchi per stelle marine: ecco come imbrogliare i software di riconoscimento delle immagini.
Scoperte casuali: il vetro che si ripara da solo
Arriva dal Giappone il vetro per lo smartphone che si ripara da solo. I frammenti, tenuti assieme per 30 secondi, si ricombinano da soli (forse).
Un albero di Natale in cielo
Un Airbus A 380 ha disegnato con la sua traiettoria un albero di Natale sui cieli della Germania.