Innovazione

Zuckerberg non crede al Facebook Phone

Se ne venderebbero al massimo 20 milioni: troppo pochi!

di
Il fondatore di Facebook taglia la testa al toro e in un'intervista smentisce tutte le voci: non ci sarà un cellulare col marchio del social network. Secondo Mark Zuckerberg sarebbe un errore.

"Facebook è universale, perché limitarlo a un solo smartphone?"

Facebookfonino addio -

Facebook si metta a produrre e a vendere smartphone

TechCrunch Disrupt

Non ha senso - Zuckerberg è stato chiarissimo: produrre un Facebook Phone non ha senso. Il perché è semplice: se tutto andasse per il meglio se ne venderebbero più o meno 20 milioni di esemplari. Ma per spingere il prodotto si penalizzerebbe lo sviluppo delle App per iOS e per Android, sistemi che girano su centinaia di milioni di smartphone nel mondo. Per Facebook, quindi, è molto più importante lavorare al miglioramento dell'esperienza utente sui cellulari già esistenti invece che investire tempo, denaro e ingegneri a creare un prodotto griffato.

Ma il futuro è mobile - Ma, attenzione: il fatto che Mark Zuckerberg non veda di buon occhio il facebookfonino non vuol dire che non preveda uno sviluppo del mobile. Al contrario: secondo il boss di Facebook il futuro è proprio in questo settore e il social a breve farà molti più soldi dalle piattaforme di smartphone e tablet che da quelle desktop. Proprio per questo, conclude Mark, per il bene dell'azienda bisogna migliorare il più possibile Facebook Mobile su tutte i sistemi operativi in attesa che il miliardo di utenti già iscritti al social network inizino a usarlo anche da smartphone e tablet. Quando succederà, secondo Zuck, i guadagni di Facebook cresceranno esponenzialmente mettendo a tacere tutti i dubbi degli azionisti. (sp)

Mark Zuckerberg: «Facebook Phone sarebbe un errore»


13 settembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us